Ospedale di Praia a Mare, la rabbia di Gino Spolitu: sciopero della fame davanti all’ASP

Advertising

Gino Domenico Spolitu è un cosentino di Praia a Mare che combatte una battaglia senza quartiere ormai da anni prima contro lo stato di progressivo abbandono e poi contro la chiusura dell’ospedale civile di Praia a Mare.

Più volte ha dato vita ad estreme forme di protesta per sensibilizzare l’opinione pubblica: lo sciopero della fame, l’incatenamento davanti all’ospedale di Praia e poi ha guidato una protesta al ministero, con la quale sperava di aver strappato la riapertura del nosocomio e invece niente.

Davanti all’ennesima presa in giro, Spolitu, che ha fondato un movimento che si chiama in maniera eloquente “Sanità per diritto”, ha appena postato su FB l’annuncio di un’altra eclatante protesta.

Ecco il testo integrale.

saniOSPEDALE di PRAIA A MARE
Ho voluto credere alle parole dei dirigenti ASP, di Cosenza, Catanzaro e Roma, e mi ero messo in paziente e fiduciosa attesa a che il 30 giugno si sbloccasse la situazione, ma ahimè NULLA! Quindi preannuncio a lor signori che dal 25 luglio 2016 sarò di nuovo in sciopero della fame e questa volta sostando all’ingresso della Direzione Provinciale ASP di COSENZA!

Spero, per la mia famiglia, che sappiano distogliermi da tale SCIOPERO della FAME considerando il mio precario stato di salute, ma non ci sono rimedi “di dialogo normale” con questa gente.

Ai sigg. MAURO Raffaele, Ing. SCURA, On. OLIVERIO, On. MAGORNO, Dott.sa PANUCCIO, On LORENZIN, On. RENZI dedicherò la mia più che probabile morte!

VI rovinerò le ferie e spero che abbiate almeno la decenza di non guardare più i vostri figli negli occhi. Voi non siete al servizio del popolo, ma solo del vostro, più che generoso, stipendio!

Il 22 luglio a Roma tutti i Comitati d’italia si coordineranno affinché la battaglia diventi NAZIONALE!

ASPETTATEMI il 25 LUGLIO a COSENZA! Prego tutti di CONDIVIDERE questo mio post affinchè più forte arrivi a lor signori il vostro urlo di rabbia e schifo!

LA SANITA’ E’ UN DIRITTO E NON UNA CONCESSIONE!