Paola, attribuzione fittizia di aziende: Agostino Iacovo e i suoi “prestanome”

Advertising

E’ Agostino Iacovo, 38 anni, già noto alle forze dell’ordine, l’imprenditore arrestato questa mattina, nell’ambito dell’operazione della Guardia di Finanza di Paola che ha scoperto una serie di aziende, a lui riconducibili, intestate a prestanome.

Ai domiciliari sono finite la sorella, Gigliola Iacovo, e un suo collaboratore, Enzo Buono. Per altre 11 persone è stato disposto l’obbligo di firma. Sottoposte a sequestro le quote di 12 società’, complessi aziendali, beni mobili ed immobili e disponibilità finanziarie per un valore complessivo di oltre 2 milioni di euro.

Si è scoperto che le attività commerciali venivano avviate ed operavano per uno o due anni, durante i quali contraevano ingenti debiti nei confronti di fornitori e dell’erario, per poi essere poste in liquidazione o dichiarate fallite. I complessi aziendali, quindi, venivano ceduti ad altri soggetti economici di nuova costituzione, sempre riconducibili all’effettivo titolare, attraverso i prestanome.

Agostino Iaoovo