Piazza Piccola: “Il vero tesoro da cercare sta nel centro storico, sotto i crolli e le macerie”

Advertising

“Il vero tesoro da cercare e preservare sta nel centro storico, sta sotto i crolli e le macerie, tra i topi e la spazzatura”. Il Comitato Piazza Piccola di Cosenza vecchia (Cosenza vecchia ’89 e Comitato Prendocasa), lancia oggi il suo fotoreportage sul nostro centro storico, per ricordare all’amministrazione e a tutta la cittadinanza che esiste un vero tesoro sotto gli occhi di tutti, oggi invece dimenticato, che “vive nei vicoli, nelle case, fra la gente, sicuramente non alla confluenza tra due fiumi!

Il Comitato paragona l’intera parte vecchia di Cosenza ad un luogo sopravvissuto ai bombardamenti, dove sembra di vivere nei tempi del dopoguerra. “Dove non arrivano le bombe, arriva incuria e abbandono”, proprio con questo titolo, l’opuscolo fotografico mostra lo stato di degrado dei quartieri e piazze del centro storico e la voglia dei residenti di “riprendere in mano la propria vita e gli spazi in cui questa si svolge”.

Questo reportage – scrive il Comitato – vuole denunciare lo stato di abbandono e incuria del nostro territorio. Non ci possiamo permettere di assistere inermi a questa situazione, rivogliamo i nostri quartieri e le nostre piazza. Cosenza vecchia vive da diverso tempo uno stato di abbandono e degrado ed è ormai nota a tutti la situazione che gli abitanti subiscono da diversi anni. Non sono bastati i blocchi e le continue sollecitazioni dei residenti a far cambiare le cose, tanti sono i palazzi ancora a rischio, come tanti sono i magazzini e le case diventati contenitori di spazzatura. Tutto questo genera non solo un cattivo decoro, ma anche una situazione sanitaria a forte rischio”.

Il Comitato, dunque, non si ferma e porta avanti la sua lotta, animata dalla passione per una futura rinascita del nostro centro storico e delle tradizioni e spirito che lo hanno contraddistinto, facendolo inquadrare un tempo come uno dei centri storici più belli e affascinanti del sud.

V.M.