Piscina, Gnisci si è dimesso. Lunedì importante assemblea

Advertising

Ieri sera ci ha telefonato in redazione Roberto Gnisci, socio proprietario (insieme a Carmine Manna) della piscina comunale di Campagnano. Si occupava, in particolare, dei servizi di pulizia e sanificazione impianti e manutenzione ed interventi tecnici.

Gnisci ci tiene a precisare una circostanza: i crediti che vantava da Carmine Manna non si sono mai trasformati in quote della Cogeis.

I miei crediti – ci ha detto Gnisci – se mai riuscirò ad averli, saranno destinati senza alcun dubbio ai dipendenti. Ho sempre fatto il mio dovere fin dal 1992, non ho mai avuto problemi con i lavoratori e quanto sta accadendo alla piscina di Campagnano non è certo colpa mia“.

Roberto Gnisci ci ha anche dato una notizia molto importante: si è dimesso dal Consiglio d’Amministrazione della Cogeis e quindi anche dalla carica di vicepresidente che ricopriva. “Mi sono dimesso lo scorso 23 agosto – ha affermato Gnisci – e la ratifica delle mie dimissioni è prevista per lunedì, giorno in cui è convocata l’assemblea dei soci della Cogeis. Mi auguro che anche Manna possa dimettersi, a meno che non sia in grado di rimettere in sesto la società…“.

Gnisci non è stato in grado di quantificare il “buco” nelle casse della Cogeis e questo significa che, con molta probabilità, non è mai riuscito ad avere accesso ai documenti contabili. E’ verosimile che cercherà di avere lumi proprio nell’assemblea di lunedì. Che, a questo punto, avrà tutti i crismi di una “resa dei conti” tra coloro che finora hanno gestito le sorti della piscina di Campagnano.

Continueremo a informare i nostri lettori sull’andamento di questa vicenda che, tanto per cambiare, penalizza soltanto gli ex lavoratori dell’impianto, ormai tutti licenziati.

Valentina Mollica