Pizzo, scoperto cimitero di rifiuti speciali pericolosi

Advertising

Blitz degli uomini della capitaneria di porto di Vibo Valentia Marina congiuntamente al personale dell’ufficio locale marittimo di Pizzo contro lo smaltimento illecito dei rifiuti e contro l’inquinamento ambientale che deturpa le bellezze naturali del territorio calabro.

Rubbish” il nome che i militari della guardia costiera, al comando del C.F. (CP) Rocco Pepe, hanno dato all’operazione ambientale condotta nel comune di Pizzo.
Durante i controlli, i militari hanno scoperto nella periferia del comune di Pizzo, in località Ponte di Ferro, un vero e proprio cimitero di rifiuti speciali pericolosi, su un’area privata, tra l’altro ricadente in zona sottoposta a severi vincoli paesaggistici e ambientali.

rifiuti-pizzo-1Il personale della Guardia Costiera ha rinvenuto innumerevoli quantità di pneumatici, rifiuti speciali anche di tipo pericoloso e combusti, consistenti in parti di eternit di diverse dimensioni, materiali di risulta del tipo inerti provenienti da attività di demolizione di fabbricati, batterie per veicoli di varia tipologia, fusti di vernici e oli esausti, elettrodomestici in disuso, rottami ferrosi e altri materiali inquinanti pericolosamente abbandonati senza alcun criterio.

Tutta l’area, di circa 1200 mq., di proprietà privata, è stata posta sotto sequestro penale, per i reati di getto pericoloso di cose, discarica non autorizzata di rifiuti pericolosi e inquinamento ambientale; successivamente la medesima area, su disposizione della autorità giudiziaria, è stata affidata in custodia giudiziale al Comune di Pizzo, per la bonifica.
I militari della guardia costiera proseguiranno le attività di indagine al fine di poter individuare i responsabili della situazione rinvenuta.