Politiche 2018, tremano le poltrone di tanti parlamentari calabresi

Advertising

Dopo l’approvazione della seconda versione del Rosatellum iniziano a tremare le poltrone di molti degli attuali parlamentari e anche tra i calabresi si respira forte tensione poiché in tanti rischiano di veder finire la pacchia. Malumori che potrebbero essere accentuati quando si conoscerà ufficialmente il sistema elettorale, ma già si vocifera che le circoscrizioni saranno due: una a Nord e l’altra a Sud. Alla fine verranno eletti trenta parlamentari. Per la Camera dei deputati, 7 saranno eletti con l’uninominale e 13 con il proporzionale nei listini bloccati.

Sarebbero davvero poche le poltrone a non essere messe in discussione. Nel Pd appare scontata la rielezione di Marco Minniti (che ha ancora chance di essere il premier della coalizione Renzi-Berlusconi ovvero “sinistra-destra”), come in Forza Italia quella di Jole Santelli e Roberto Occhiuto. Ma per il resto, molto rimane in alto mare. Tutto da capire nel Movimento Cinquestelle, che nel 2013, con il sistema proporzionale, risultò il primo partito eletto alla Camera dei Deputati con oltre il 24,6% dei consensi. Molto dipenderà dagli ordini di priorità che daranno le forze in campo all’interno dei listini. Compreso quello grillino.