Praia a Mare, sopralluoghi sui terreni della Marlane

Advertising

Avevamo ragione sui terreni della Marlane

Il procuratore capo della Procura di Paola Bruno Giordano ordina nuovi sopralluoghi sui terreni della Marlane e invia una squadra dei Vigili del fuoco per sondare i terreni e fare nuove analisi.

Giordano ha sentito nuove testimonianze su quanto avvenuto alla Marlane e per questo nonostante un processo d’appello in corso a Catanzaro (prossima udienza il 6 luglio prossimo), nonostante un’assoluzione di tutti i 12 imputati in primo grado a Paola, ne ordina una nuova perizia sperando nell’apertura di una nuova inchiesta.

Noi del Comitato, in tempi non sospetti consegnammo alla Pm Lauri, allora titolare del processo prima di essere trasferita, una videointervista che il giornalista Francesco Cirillo e l’ex operaio della fabbrica Luigi Pacchiano fecero all’ex operaio Francesco De Palma.

Foto 24
Nella video intervista De Palma, nel frattempo deceduto, spiegò come avveniva l’interramento dei rifiuti tossici. Di questa intervista non se ne parlò mai durante il processo a Paola. Tutti avevano interesse che non si vedesse una testimonianza così evidente che avrebbe potuto dare una svolta diversa al processo.

Il sindaco Praticò e il conte Marzotto sono intanto in corsa per sbloccare i terreni preparandosi ad una finta bonifica su pochi metri quadrati e preparandosi ad un’enorme speculazione edilizia che tombi definitivamente tutti i terreni della Marlane.

E’ prova di tutto questo non solo il contratto firmato da Praticò a nome dell’amministrazione comunale di Praia con il conte Marzotto che portò al ritiro da parte del Comune della parte civile al processo ma anche le recenti conferenze dei servizi sulla bonifica dei terreni dove di tutto si parla meno che degli stessi terreni.

Nella prima riunione è venuta fuori la richiesta di un carotaggio su dei terreni che nulla a che vedere con quelli della Marlane. I veleni sono lì, è inutile che cercate di non saperlo ed è inutile cercare altrove, scavate nella Marlane e verranno fuori. Plaudiamo quindi all’iniziativa del procuratore Giordano Bruno ritenendoci disposti a qualsiasi collaborazione con documenti e video oltre che testimonianze di operai che vi hanno lavorato.

COMITATO PER LE BONIFICHE DEI TERRENI, MARI E FIUMI DELLA CALABRIA  

Pres.Giovanni Moccia

MOVIMENTO AMBIENTALISTA DEL TIRRENO

Coord. Francesco Cirillo