Processo Kiterion, chiesto l’ergastolo per Nicolino Grande Aracri

Advertising

Ergastolo per il boss di Cutro.

Questa la pena richiesta per Nicolino Grande Aracri, da parte dei pm della Dda, Vincenzo Capomolla e Domenico Guarascio. Il processo “Kiterion” che vede imputato il boss, si sta svolgendo con rito abbreviato davanti al gup distrettuale di Catanzaro, Carlo Saverio Ferraro.

I 30 imputati che si sono sottoposti al processo con rito abbreviato, sono accusati a vario titolo di associazione per delinquere di tipo mafioso, possesso di armi, omicidio, ricettazione, estorsioni, danneggiamenti, turbata libertà degli incanti, intestazione fittizia di beni, illecita concorrenza.

L’attenzione dei pm si è concentrata sull’omicidio a Cutro del boss Antonio Dragone.

Secondo l’accusa a decidere e eseguire il delitto furono Nicolino ed Ernesto Grande Aracri, con Angelo Greco considerato uno degli esecutori materiali.

Nei loro confronti, i magistrati hanno chiesto al gup tre condanne all’ergastolo.