Provincia, il Consiglio di stato rigetta il ricorso di Occhiuto

Advertising

Il Consiglio di Stato ha respinto il ricorso di Occhiuto.

Si tratta del ricorso 7452 del 2016, proposto da Mario Occhiuto per la riforma della Sentenza del Tar Calabria 01834 del 2016, per mezzo del quale l’ormai ex presidente della Provincia ha chiesto all’Organo giurisdizionale amministrativo di secondo grado l’applicazione alla sentenza stessa della sospensiva con decreto “inaudita altera parte”.

Con provvedimento del 29 settembre scorso, il Consiglio di Stato ha invece rigettato la richiesta, con la motivazione che sulla vicenda non sussiste un pregiudizio d’intensità tale da giustificare l’adozione di un provvedimento cautelare provvisorio.

L’udienza nel merito si terrà il prossimo 27 ottobre.

Nel merito, il presidente Graziano Di Natale ha dichiarato: “Si insiste ancora su una questione che appassiona solo Occhiuto e nessun altro. Ribadisco che la mia è una funzione di garanzia, per traghettare l’Ente fino alle nuove elezioni del Presidente e del Consiglio Provinciale, per cui non si comprende l’insistenza a voler ricoprire un ruolo che solo nuove elezioni potranno restituirgli, in caso di vittoria s’intende. Personalmente sto affrontando questa esperienza amministrativa – frutto di una battaglia di legalità che ho portato avanti con convinzione – con spirito di servizio e senso delle Istituzioni. Spero pertanto che la farsa sia giunta ormai all’ultimo atto”.

Il presidente della Provincia di Cosenza ha infine ricordato che, in un periodo di profonda crisi, la vicenda inscenata da Mario Occhiuto è costata alle casse dell’Ente più di 30.000 euro.