Referendum, allarme “matite cancellabili” anche a Rende. Facciamo attenzione

Advertising

Esplode il problema delle matite copiative che sarebbero cancellabili, e che potrebbero rappresentare un allarme brogli. Anche a Rende diversi elettori, così come nel resto d’Italia, hanno denunciato anomalie. Ed hanno ottenuto la sostituzione delle matite stesse.

Stamattina era stato il cantante Piero Pelù a dare il via alla protesta. 

”Non indelebile”: Piero Pelù ha denunciato al suo presidente di seggio elettorale, in provincia di Firenze, e ne ha dato notizia su Facebook postando la foto del verbale, che questa mattina per esprimere la propria preferenza sulla scheda del voto referendario la matita che gli è stata data risultava cancellabile. ”La matita che ho usato per votare era cancellabile. Dopo aver provato su un foglio e averlo constatato ho denunciato la cosa al presidente del mio seggio” ha scritto il cantante. Molte le reazioni sul suo profilo, in cui si sottolinea che la matita si cancellerebbe solo sulla carta normale non sulla scheda elettorale.

peluSu Fb si diffonde allarme ‘matite cancellabili’ Dopo la denuncia di Piero Pelù comincia a circolare con sempre più insistenza su Facebook l’allarme sulle matite non indelebili che verrebbero usate nei seggi per il voto al referendum costituzionale. Il suo post, in un’ora, ha registrato 25mila ‘reazioni’, 32mila condivisioni e 2,9mila commenti.

Ecco la denuncia della signora Giusi Barci. Facciamo attenzione. Ci sono stati problemi anche a Vibo Valentia dove per lo stesso motivo è intervenuta la digos. 

barci