Referendum, avviso importante per gli italiani all’estero

Advertising

AVVISO AGLI ITALIANI ALL’ESTERO

Fate girare presso i nostri conterranei

Il 4 dicembre come sapete c’è il referendum per cambiare la costituzione. Sicuramente vi sarà arrivato un invito per andare a votare. Quello che vi chiediamo è di informarvi di come stiamo in Italia. A noi la costituzione ci piace così com’è.

Dovremmo cambiare delle semplici regole ma il governo non lo vuole fare o meglio lo vuole fare a modo suo. In effetti sarebbe facile recuperare capitali e soldi che si sprecano come gli stipendi e i rimborsi ai nostri politici, o mantenere sotto controllo la spesa pubblica.

Cari connazionali che vivete all’estero, dovete sapere che a Montecitorio comprano la carta igienica a 19 euro al rotolo, il parrucchiere guadagna oltre 10mila euro al mese, portano a farsi rimborsare gli scontrini anche per un semplice caffè o per aver acquistato vibratori “per tutti i gusti”, ma ancora vanno a fare acquisti con scorta al seguito e vanno in giro con voli di stato anche per andare in vacanza.

boschi Da noi il popolo soffre i soprusi fatti da direttori di banche, da quelle banche commissariate, nelle quali stanno i parenti della signora Boschi (la fidanzata di Renzi), che hanno tantissimi suicidi sul groppone, dalle finanziare che ti prestano soldi a tassi d’usura.

Tutti sono consapevoli ma nessuno fa nulla per noi poveri cittadini. I politici, non tutti ma la maggior parte, hanno l’immunità parlamentare e quindi non possono essere neanche indagati (e rubano milioni di euro tanto neanche la giustizia può far nulla).

Hanno creato una giustizia che ha messo in carcere un fotografo per aver scattato foto e gli fanno scontare trent’anni di carcere e lasciano libero chi ha ucciso la propria moglie. Siamo invasi di emigranti che fanno guadagnare milioni di euro a associazioni o cooperative create apposta.

Noi popolo che abbiamo la partita iva paghiamo fino al 75% di tasse su ciò che guadagniamo. Le case ce le stanno pignorando, i pensionati vanno a cercar da mangiare nella spazzatura, la corruzione è ai massimi livelli. A capo di regioni e comuni ci sono presidenti e sindaci pluri indagati (per fortuna non tutti). I politici da quarant’anni promettono ciò che non potranno mai mantenere.

Dopo 40 anni di lavori e dopo aver versato i contributi artigiani la pensione è di 490 euro al mese. Hanno creato un popolo di sudditanza e lo hanno in pugno. Vogliono chiudere Equitalia che ci ha strozzato per anni e vogliono far convergere le competenze nell’Agenzia delle Entrate che è peggio di Equitalia e che da sempre ci controlla perfino quanti peli abbiamo nel culo (quannu ci vo ci vo).

Ci hanno obbligato a pagare il canone RAI mettendolo sulla bolletta della energia elettrica (una società privata che riscuote per conto dello stato una tassa che è odiata da tutti i cittadini e dalla quale nessuno può rifiutarsi di pagare).

QUESTA È DITTATURA.

Oltretutto il governo in carica non eletto dal popolo in quanto è un governo tecnico vuol cambiare la costituzione. Il nostro presidente della repubblica non conta nulla è come il due di bastoni a briscola quando la briscola è a spade.

Concludiamo esortandovi a non votare si, perché ci fareste del male, meglio se non andate a votare o, se volete andare, votare NO ma non con la matita… portatevi una penna perché potrebbero cancellare il vostro voto.

Grazie