Reggio, si allungano i tempi per il possibile passaggio di De Raho alla procura di Napoli

Il procuratore Cafiero de Raho
Advertising

Ultimo giorno da procuratore della Repubblica di Napoli, ieri, per Giovanni Colangelo, 70 anni, che va in pensione per raggiunti limiti di età.

Lo scorso 3 febbraio, rispondendo agli studenti di un liceo napoletano che gli chiedevano se avesse completato i suoi programmi di lavoro, Colangelo, con una punta di polemica, aveva detto di non esserci riuscito anche a causa dell’abbassamento dell’eta’ pensionabile dei magistrati, da 75 a 70 anni: “…e’ stata drasticamente abbreviata – disse Colangelo – il Governo ha parlato, in maniera ondeggiante, fino al 29 dicembre, di proroghe e dunque si riteneva ragionevole che cio’ sarebbe avvenuto: non e’ stato cosi’, e io non sono riuscito a completare i programmi”.

E’ stata infatti decisa la proroga del pensionamento a 72 anni, ma solo per i giudici al vertice della Corte di Cassazione: una iniziativa, questa, che insieme ad altre ha suscitato la reazione negativa dell’Anm che l’ha definita “discriminatoria per gli altri magistrati”, in contrasto con la Costituzione ed ha inutilmente chiesto che l’innalzamento dell’eta’ pensionabile a 72 anni riguardasse tutte le toghe.

Da quanto ha assunto la carica di procuratore della Repubblica di Napoli, il 2 maggio del 2012, Colangelo ha assestato diversi colpi alla criminalita’ organizzata, tra Napoli e Caserta: ha messo la parola fine alla struttura federativa del clan dei Casalesi, che ancora esiste, ma in fazioni separate, perlopiu’ impegnate a soddisfare i bisogni dei capiclan e delle loro famiglie. Poi ci sono stati gli ingenti sequestri dei patrimoni riconducibili ai clan, le inchieste sulle connivenze tra malaffare organizzato, politica e imprenditoria, le indagini sugli illeciti nella pubblica amministrazione e quelle per assicurare alla giustizia i killer delle vittime innocenti di camorra.

A prendere il suo posto, ma nella veste di reggente, il procuratore aggiunto Nunzio Fragliasso, in attesa della fumata bianca dal Consiglio Superiore della Magistratura. Il “toto procuratore” vede in pole position, alla pari, Giovanni Melillo, capo di gabinetto del Ministro della Giustizia, e Federico Cafiero De Raho, attualmente procuratore della Repubblica di Reggio Calabria, impegnato nella lotta alla ‘ndrangheta.

In ambienti giudiziari si immaginava una decisione rapida da parte del Csm, per non lasciare in regime di reggenza uno degli uffici giudiziari più importanti d’Italia. Ma, sia l’atteggiamento del Governo, sia, evidentemente, il testa a testa tra Melillo e Cafiero De Raho sta allungando i tempi.