Regione, che brutta figura con il sorteggio del Corecom (di Carlo Ranieri)

Come da tempo annunciato ieri al Consiglio regionale, si è tenuto il sorteggio per le nomine di cui alla lr. n. 39/95, previste dall’allegato n. 1 al decreto presidenziale n. 3 del 18 maggio2016.

Da ex funzionario del Consiglio, tutto mi sarei aspettato dai giovani e  valenti colleghi laureati  con master vari, ma non di leggere nell’allegato n. 1, che  la dea bendata doveva scegliere ciò  che non può, in quanto la nomina del Presidente e dell’ufficio di Presidenza del  CORECOM è normata dall’art. 5 della legge regionale n. 2/2001.

Non basta la prima defaillance  giuridica, ma rammento che l’art. 1, c. 3 della lr. n. 39/95, esclude gli organi in cui si articola il Consiglio regionale; figuratevi il Corecom/Calabria, che oltre alle funzioni proprie  ne esercita altre delegate dall’AGICOM.

Riporto il comma in questione della lr. n. 39/95 – Art. 1 (Ambito di applicazione)

3. Le disposizioni della presente legge non si applicano agli organi fondamentali della Regione e agli organi in cui si articola il Consiglio regionale. 

Apprezzo la lodevole iniziativa del Pres. Irto, a cui vanno i miei complimenti, sulle nomine, mi rammarico per i miei ex colleghi tra cui i ben remunerati dirigenti (addirittura il Segretario generale con circa € 240.000,00 grazie ad un codicillo dell’art.17 della lr n. 8/97 che gli fa raddoppiare la retribuzione di posizione  di   € 79.570,27, naturalmente oltre lo stipendio e la retribuzione di risultato, sorpassa abbondantemente il suo pari lombardo di € 50.000,00, nonostante che, la Lombardia abbia oltre dieci milioni di abitanti, n. 80 consiglieri regionali ed un PIL pro-capite più del doppio dei calabresi, che dire la chiesa è povera ma i preti sono ricchi),  che abbiano fatto decretare il Presidente su un allegato sbagliato.

Riflessione amara da ex sindacalista,  “sarebbe stato opportuno, non avere parcheggiato i colleghi più anziani, probabilmente si sarebbero evitati  errori simili  e molto altro”.

Advertising

Carlo Ranieri