Regione, ecco come funzionano le “porte girevoli” al Dipartimento del Lavoro

Advertising

Escono da una porta e rientrano da un’altra. E’ il sistema “porte girevoli” o se vi piace di più l’inglese il sistema “sliding doors” con il quale “esperti” di non meglio identificata natura ricevono incarichi dalla Regione.

E’ di qualche giorno fa la nomina di un gruppo di lavoro formato da quattro persone, che saranno inserite nel progetto di accompagnamento e assistenza tecnica per l’attuazione dei piani locali per il lavoro (PLL) gestito dall’azienda (un nome una garanzia!) Calabria Lavoro.

Si tratta di un incarico affidato in forma diretta per l’assistenza tecnica al Dipartimento Lavoro, che vista l’urgenza si affida in base ai curricula presentati e individuati con criteri a dir poco discutibili.

Sì, Adolfo Rossi, Caterina Nano, Domenico Truglia, Pasqualina Iriti, appena nominati, hanno sempre fatto i “professoroni” semza mai esserlo in carrozzoni come la Field e nei vari dipartimenti, che sono ancora peggio dei carrozzoni.

Queste persone, che fra l’altro fanno parte di un gruppo di coordinamento di valorizzazione delle professionalità acquisite nella Regione nel corso degli anni con incarichi di collaborazione e di consulenze (sempre ottenuti per raccomandazione) e che oggi si trovavano fuori dai giochi, piano piano rientrano con vari incarichi e a vario titolo nei ranghi del dipartimento lavoro, con chiamata diretta da parte di Azienda Calabria lavoro.

Salvo poi nascondersi in mezzo al gruppo di lavoratori estromessi dalla Regione Calabria, che invece non avendo agganci né appoggi sperano nelle manifestazioni di interesse.

Quanto agli esecutori degli ordini che arrivano dalla politica per rimettere in circolo i raccomandati, non c’è dubbio che il dirigente del Dipartimento Lavoro, De Marco, sia uno con le mani in pasta e sappia quello che deve fare.

La firma, poi, ce l’ha messa un dirigente del quale ci siamo occupati domenica scorsa perché è il nipote della mistica Natuzza Evolo, per la precisione il figlio della figlia, Angela Nicolace.

Al secolo Fortunato Varone, dirigente Dipartimento Programmazione Nazionale e Comunitaria. Che, con Decreto del PGR n. 138 del 4 dicembre 2015, è stato nominato Commissario Straordinario di Azienda Calabria Lavoro e della fondazione FIELD. A quanto pare, si è adeguato perfettamente alla bisogna.

E, per dirla con Natuzza e la Madonna a lei tanto cara, tutti i salmi finirono in gloria!