Regione&Vitalizi, Rifondazione: “Uno schiaffo alle famiglie calabresi”

Palla Palla e il comunista col culo degli altri
Advertising

Per una politica al servizio dei cittadini calabresi.

Non possiamo stare in silenzio alla luce di quanto sta avvenendo in Consiglio regionale in merito alla reintroduzione di forme di vitalizio ai consiglieri regionali, con la proposta di legge presentata da un folto gruppo di consiglieri, tra cui molti vicinissimi al Presidente Oliverio, per il ripristino di forme retributive per l’impegno politico di coloro che dovrebbero essere al servizio dei cittadini calabresi e che già percepiscono una retribuzione a dir poco vergognosa rispetto alla situazione di povertà delle tante famiglie calabresi.

A fronte di un reddito medio annuo pro-capite di 7.412 € e di una disoccupazione giovanile di oltre il 60%, sarebbe stato opportuno presentare delle proposte di legge che sostenessero i redditi familiari ed avviare politiche serie per il lavoro, soprattutto dei giovani, invece di arrampicarsi sugli specchi per giustificare solo un aumento dei propri privilegi che si aggiungono a quelli già acquisiti.

Perché, a prescindere dal dato formale, che vengano chiamati “vitalizi” o “contributi pensionistici” sottratti dallo stipendio dei consiglieri e non dai bilanci, le risorse economiche provengono sempre dalle tasche dei calabresi.

Già percepire come consigliere regionale una indennità mensile di 8000 euro al mese, di fronte ad una regione fanalino di coda in tutte le statistiche economiche d’Italia e del mezzogiorno stesso, è un affronto alla dignità di chi deve sopravvivere con un reddito medio al di sotto della soglia di povertà.

Chiediamo, come Rifondazione Comunista regionale, il ritiro immediato della proposta di legge, iniziando a lavorare invece sulla diminuzione significativa degli stipendi dei consiglieri e delle altre cariche politiche, per investire le risorse risparmiate nella lotta alla povertà e alla disoccupazione in questa regione.

Vogliamo una classe politica al servizio dei cittadini e non al servizio degli “eletti”, che offra il proprio impegno politico e di rappresentanza istituzionale per costruire un legame con la popolazione e con i suoi bisogni, elaborando un programma di sviluppo sostenibile volto ad impiegare tutte le risorse pubbliche per ridare speranza soprattutto alle giovani generazioni che stanno abbandonando le città ed i paesi calabresi.

Pino Scarpelli – Segretario Regionale di Rifondazione Comunista