Rende, 500mila euro per gli avvocati del cerchio magico di Manna – tutti i nomi –

Advertising

In tre anni di amministrazione in quel di Rende, l’avvocato Marcello Manna meglio noto come il sindaco quaquaraquà ha impegnato circa 500mila euro (435mila 798 euro per la precisione) in incarichi legali per avvocati e consulenti esterni.

Un fiume di denaro che è andato ad ingrossare le tasche di ben individuati professionisti al servizio dell’avvocato Manna per i motivi più svariati. Un clientelismo sfrenato, simile in tutto e per tutto a quello del sindaco di Cosenza con il suo cerchio magico di avvocati.

Abbiamo già reso note le cifre relative ai primi sei mesi dell’anno in corso (http://www.iacchite.com/rende-tutti-gli-avvocati-del-cerchio-magico-manna/) e adesso siamo in grado di ragguagliarvi anche sugli altri anni.

ANNO 2016

L’avvocato Giancarlo Gentile è parte attiva della Fondazione Scuola Forense diretta dall’avvocato Giovanni Spataro, uno dei legali del Cinghiale e anche se non è direttamente parente (nonostante il cognome Gentile) all’animale di cui sopra, fa sempre riferimento a quella “parrocchia”. Anche Manna fa parte di questa combriccola tra legali e, prima che esplodesse la bufera nei rapporti tra il sindaco e il suo (ex) padrino, l’avvocato Gentile ha fatto in tempo a collezionare due liquidazioni da 6mila euro cadauna per un totale non disprezzabile di 12mila euro lordi.

Gli avvocati Giuseppe De Luca, Salvatore Alfano e Alessandro Mangini hanno addirittura un primato: fanno parte dello stesso studio legale e sono riusciti ad ottenere tutti e tre in questi anni incarichi legali dal loro amico sindaco. De Luca, tra TAR Calabria e Consiglio di Stato, ha incassato la bellezza di 16mila euro lordi mentre Alfano, grazie ad altre due nomine, ha conquistato circa 5mila euro e Mangini ha avuto un incarico da 2188 euro lordi nel 2015 portando il totale dello studio a oltre 23mila euro complessivi.

Il penalista Aldo Cribari fa parte da tempo della “scuderia quaquaraquà” e vanta al suo attivo la difesa comune con il “capo” del signor Daniele Lamanna, che da un po’ ormai ha saltato il fosso nonostante le sdegnose (ed inutili) smentite dei diretti interessati. Ma il buon Cribari è stato destinatario di molte altre “commesse” nel giro di interessi di Manna e adesso possiamo felicemente aggiungere anche gli incarichi legali al Comune di Rende.

Nell’anno del signore 2016 Cribari ha incassato quattro incarichi da 1800 euro a “botta” che gli sono valsi il traguardo di 7200 euro lordi.

Meglio di lui ha fatto l’avvocato Luciano Tocci, che oltre ai quattro incarichi da 1800 euro ha aggiunto anche un “lavoretto” al Tribunale di Cosenza per 5.800 euro, che fa salire le sue quotazioni ben oltre i 10mila euro.

Il quadro del 2016 si chiude con un trio collaudato che ha marciato a ritmi regolari: 9mila euro per Giuseppe Leporace, della dinastia di “Maurino” buonanima; 8500 euro per Renato Ricchio e circa 6mila per Marcello Crocco.

Gli altri neanche li citiamo perché siamo su cifre basse e sono stati chiamati probabilmente per non dare nell’occhio. La morale della favola è che un ristrettissimo gruppo di avvocati (otto ma sette se consideriamo che due fanno parte dello stesso studio) ha monopolizzato gli incarichi legali di un comune importante come quello di Rende.

ANNI 2014 e 2015

Quanto agli anni 2014 (Manna si è insediato solo in estate) e 2015, gli incarichi non erano stati così sfacciatamente mirati come quelli relativi al 2016 ed al 2017 ma ciò non toglie che si trovino sempre nomi e cognomi ricorrenti. Dall’avvocato Paolo Florio agli avvocati Francsco Visciglia e Santo Spadafora ai già citati Giuseppe De Luca e Giuseppe Leporace.

Alla fine della giostra, come accennavamo, Manna ha distribuito quasi 500mila euro agli avvocati del suo cerchio magico. Si può dire che siamo davanti ad un monopolio indegno che penalizza migliaia di professionisti?

E non abbiamo ancora finito perché ci sono da analizzare una serie di delibere che riservano altre particolari “sorprese”.

2 – (continua)