Rende, aria pesante per iGreco in attesa del consiglio comunale di oggi

La famiglia iGreco insieme a Ernesto Carbone, Ferdinando Aiello e Brunello Censore
Advertising

All’interno del potentissimo gruppo cariatese de iGreco da qualche giorno non tira più una bella aria. I fratelli cariatesi temono che si stia creando una fronda politica contro il loro megagalattico progetto degli Ospedali Riuniti da costruire a Rende.

Pare che non ci sia più un gran feeling con Tonino Gentile, che da primo grande sponsor de iGreco oggi sembra molto più defilato, certamente condizionato dalla posizione contraria ai cariatesi da parte di Mario Oliverio, con il quale ormai c’è una comune visione (qualcuno dice “cinghialesca”) della sanità.

Ma se Gentile e Oliverio sono quello che sono, non possiamo certo dire che iGreco siano diversi, tutt’altro. A loro interessa solo mettere su il “carrozzone”, realizzare gli Ospedali riuniti con casa albergo e parcheggio connessi e poi contare i soldi…

Oggi vedremo i primi risultati politici dell’opera de iGreco. A Rende infatti (“calcio d’inizio” alle 16.30) c’è consiglio comunale e tra i punti all’ordine del giorno c’è anche l’approvazione, con variante al Piano regolatore, del loro progetto speculativo.

C’è chi dice che, salomonicamente, il sindaco Manna, tirato per la giacchetta da tutti, si difenderà “in calcio d’angolo” ovvero prenderà tempo e chiederà il rinvio del punto all’ordine del giorno. Ma in politica non si sa mai…

Intanto, il giornale di riferimento dei cariatesi, nell’edizione di ieri, ha palesato un forte nervosismo contro i grillini, “colpevoli” di aver detto la verità sulle loro speculazioni. Capiamo l’entusiasmo del nuovo direttore, ma, vivaddio, si rende conto di quello che scrive e, soprattutto, con quale gruppo di potere ha a che fare?