Rende, il giovane deceduto nell’incidente non aveva ancora compiuto 23 anni

Advertising

Si chiamava Antonio Vetere il giovane cosentino deceduto all’ospedale dell’Annunziata di Cosenza dopo il grave incidente stradale di stamattina sulla statale 107 Silana-Crotonese all’altezza di Rende.

Antonio avrebbe compiuto 23 anni il prossimo 3 settembre. Dopo aver preso il diploma all’Istituto Tecnico Commerciale “Pezzullo” di via Popilia, si stava laureando all‘Università della Calabria e stava lavorando con un’azienda immobiliare molto nota. Un ragazzo come tanti altri, impegnato nel lavoro e con tanti amici da frequentare per divertirsi.

Antonio Vetere
Antonio Vetere

Purtroppo il destino con lui è stato beffardo. Antonio Vetere era alla guida di una delle auto che si è scontrata frontalmente sulla statale 107 all’altezza di Rende.

Da quanto si è appreso, il ragazzo stava rientrando da una località turistica sulla costa tirrenica (probabilmente Sangineto, dove aveva ballato nel corso della notte in una discoteca) quando, nel tratto della statale 107 del comune di Rende, avrebbe perso il controllo della sua vettura sbandando e andando ad impattare contro due auto.

In un primo tempo le notizie sull’incidente parlavano solo di tre feriti ma nel corso del pomeriggio dall’ospedale dell’Annunziata di Cosenza è arrivata la triste notizia del suo decesso in seguito alla gravità delle ferite riportate nello scontro.