Rende, il sogno continua: battuta la Vibonese (1-0), la capolista se ne va

SERIVIZIO FOTOGRAFICO CICCIO SPINA per il Rende Calcio

Per il suo 50° anniversario di fondazione, il Rende si regala la sesta vittoria consecutiva (nona stagionale su 12 gare giocate), nel difficile derby con la Vibonese, conservando il primato in classifica a quota 26 e allungano il passo sulla Juve Stabia (fermata in casa dal Catania), che ora è a 3 punti di distacco, anche se ha giocato due gare in meno. E’ un momento magico per la tifoseria, la dirigenza e la squadra. Adesso il pessimo sindaco della città, che tutti ormai chiamano per nome (quaquaraquà), si trova davanti a un bivio: chiudere lo stadio per realizzare la rotatoria vicino allo stadio che aspetta da decenni per preparare la sua campagna elettorale o fermarsi – a furor di popolo – per consentire a questo gruppo di continuare a sognare? O ancora, cercare una soluzione di compromesso, spostando il settore ospiti per la durata dei lavori, come gli chiedono in molti? Vista la natura del soggetto, tutto è possibile.

Ma torniamo alla gara di ieri sera.

Buono l’approccio alla gara dei biancorossi. Franco e compagni quasi schiacciano la Vibonese nella propria metà campo e al minuto 16 vanno vicini al gol con il potente tiro di Rossini dal limite: la prontezza dei riflessi di Mengoni evita la segnatura. Al 30’ da segnalare invece la buona intuizione di Bubas della Vibonese che stoppa in area e tira al volo di sinistro ma non trova lo specchio della porta. Al 33’ punizione di Laaribi sopra la barriera ma anche, seppur di poco, sopra la traversa. Risponde la Vibonese poco dopo ancora con Bubas servito da Melillo con il pallone che lambisce il legno destro. A seguire ci prova Melillo. Cresce la Vibonese e al 44’ Savelloni si salva sul tiro di Bubas che non trova di poco lo specchio della porta. Il primo tempo si chiude sullo 0-0.Meglio il Rende ad avvio ripresa: i padroni di casa sfiorano il vantaggio al 2’ con Rossini, poi ci provano ancora sull’asse Awua – Vivacqua. A legittimare il buon momento del Rende arriva al 22’ la rete di Vivacqua, di testa, propiziata da Rossini che crossa a centro area. Il Rende mantiene il suo atteggiamento aggressivo e va vicinissimo al raddoppio con Godano, entrato al posto di Laaribi.
Orlandi a questo punto prova il tutto per tutto per provare a pareggiarla, cambia modulo e inserisce le torri Ciani e Altobello. Al 44’ miracolosa parata di Savelloni su Taurino a tu per tu con l’estremo difensore dei locali mentre al 90’ ancora Mengoni salva su Godano. Alla fine è tripudio per i tifosi locali.

RENDE-VIBONESE 1-0RENDE (3-4-3): Savelloni; Germinio Minelli Sabato; Viteritti (34’ st Galli), Awua, FrancO (34’ st Cipolla), Blaze (46’ st Calvanese); Laaribi (34’ st Godano), Rossini, Vivacqua. In panchina: Borsellini; Palermo, Maddaloni, Sanzone, Di Giorno, Calvanese, Crusco. All: Modesto

VIBONESE (4-3-2-1): Mengoni ; Finizio (42’ st Ciani), Camilleri, Malberti, Tito; Melillo (42’ st Altobello), Obodo, Prezioso; Collodel (23’ st Scaccabarozzi), Taurino; Bubas. In panchina: Viscovo, Franchino, Ciotti, De Carolis, Donnarumma, Altobello, Maciucca. All.: Orlandi

ARBITRO: Nicolo’ Cipriani di Empoli (Laudato – Bruni)

MARCATORE: 22’ st Vivacqua (R)

NOTE: Prima della partita momento di celebrazione, insieme all’AIL, per i primi 50 di calcio del Rende. Ricordato anche Ciccio Nardi, prematuramente scomparso. Spettatori 912 per un incasso di 6287 euro. Angoli: 10-0 per il Rende. Recupero: 2’ pt, 3’ st.

I RISULTATI della 12^giornata 

Monopoli – Sicula Leonzio 2-1

Siracusa – Bisceglie 1-0

Trapani – Virtus Francavilla 3-1

Catanzaro – Rieti 3-0

Juve Stabia – Catania 0-0

Rende – Vibonese 1-0

Viterbese – Casertana 0-0

Paganese – Cavese 2-2

Potenza – Matera 0-0