Rende, installa il gas abusivamente e mette a rischio un palazzo: barista denunciato

Advertising

Un 43enne cosentino è stato denunciato dai carabinieri di San Pietro in Guarano con l’accusa di “attentato alla sicurezza degli impianti dell’energia elettrica e del gas”, furto aggravato, danneggiamento, truffa e ricettazione.

Nella mattinata del 30 dicembre scorso, i militari hanno eseguito un controllo, insieme ai tecnici della società di fornitura del gas, nel bar-pasticceria a Rende di proprietà dell’uomo, scoprendo che per alimentare la cucina dell’attività il 43enne aveva utilizzato un contatore del gas risultato rubato a Cosenza nell’ottobre del 2015.

Il 1° gennaio i carabinieri hanno effettuato un altro controllo nell’attività accertando che il commerciante, nonostante gli fosse stata interrotta l’erogazione e nonostante il sequestro dell’impianto, l’aveva ripristinato in maniera approssimativa installando un altro contatore, anche questo di dubbia provenienza dato che era sprovvisto di alcune parti, e noncurante della grave perdita di gas che aveva causato mettendo così in pericolo sia la propria e che l’altrui incolumità: il bar, infatti, si trova al piano terra di una palazzina di sei piani.