Rende, l’assessore Pasqua ordina la rimozione del manifesto sessista

Advertising

L’assessore alle pari opportunità del Comune di Rende, Marina Pasqua, ha disposto la rimozione di alcuni manifesti dopo la segnalazione da parte dei cittadini della pubblicità che campeggia da alcuni giorni a via Tevere, sul primo tratto di viale Parco.

“La giunta Manna – ha affermato l’assessore – con l’adesione al protocollo Anci Di.Re si è dotata di regole per valutare e contrastare la diffusione di messaggi pubblicitari discriminatori e lesivi della dignità, soprattutto delle donne. Riteniamo questi messaggi degradanti, messaggi che, attraverso l’uso di stereotipi, tendono a collocare le donne in ruoli sociali di subalternità e disparità”.

“La mercificazione del corpo – ha proseguito Pasqua -, attraverso rappresentazioni o riproduzioni della donna quale oggetto di possesso o sopraffazione sessuale, i pregiudizi culturali e gli stereotipi sociali fondati su discriminazione di genere e orientamento sessuale sono forme di violenza contro le donne. Rende si è dimostrata in prima fila sui temi della parità e dei diritti attraverso la promozione di pratiche virtuose e di politiche mirate all’individuazione degli strumenti più adeguati per la promozione delle pari opportunità”.

“Il Comune – ha concluso l’assessore – ha infatti provveduto attraverso gli uffici preposti e secondo quanto disposto dalle normative vigenti a invitare la concessionaria pubblicitaria a sostituire o rimuovere i manifesti. E a chiederlo è stata la cittadinanza tutta perchè è la nostra città, uomini e donne, ad essere lesa da questa comunicazione deviante”.