Rende, primo giorno di scuola: niente servizio mensa e operai sul tetto a S. Agostino

Advertising

Anno scolastico, Miceli (M5S): si inizia con i ritardi dell’amministrazione Manna

Il servizio mensa non partirà prima di lunedì. A Sant’Agostino in aula con gli operai sul tetto

Rende (Cs) – Vogliamo fare gli auguri a tutti gli studenti rendesi che oggi sono tornati tra i banchi di scuola. Un momento importante che proietta le nuove generazioni verso il futuro di questa terra, nella speranza che possano modificarne gli aspetti culturali degenerati e far nascere nel profondo sud una nuova identità fondata su regole certe e condivise.

Come Movimento 5 Stelle abbiamo inteso declinare l’invito ricevuto dall’amministrazione Manna di recarci in un istituto scolastico per augurare un buon inizio agli studenti. Lo abbiamo fatto perché non intendiamo mettere la faccia sulla “non azione” di governo, sugli innumerevoli ritardi di cui si è resa colpevole questa nuova maggioranza, che poi riguarda anche la vecchia maggioranza e quindi, a buon ragione, quasi tutto il Consiglio comunale.

Il differimento più eclatante riguarda l’inaugurazione delle nuove aule della Scuola di Linze, che sono state consegnate alla città con ben nove mesi di ritardo. Per non parlare poi dei problemi, più volte segnalati, dell’asilo di via Bari e dei locali adibiti ad aule, di Via De Chirico. Ma problemi di sicurezza insistono soprattutto alla scuola di Sant’Agostino, dove si fa lezione con gli operai sul tetto, in mezzo ai lavori in corso che dureranno almeno altri tre mesi. Le aule del primo piano sono quasi al buio per colpa delle impalcature, mentre il materiale edile occupa la parte esterna della scuola, lasciando un misero passaggio per alunni e insegnanti.

Ma gli studenti che oggi sono tornati a scuola, o ci sono andati per la prima volta, hanno fatto i conti anche con un servizio mensa che, se tutto va bene, non partirà prima di lunedì, complicando ancor di più l’organizzazione familiare già provata dal ritorno delle vacanze. Eppure è da fine maggio che Manna avrebbe dovuto ripensare il servizio mensa ed evitare un tale disagio, cosa che puntualmente non è avvenuta.

Le vacanze, evidentemente, non sono ancora finite per Manna che è tutto preso da una serie di inaugurazioni fuori tempo massimo di progetti vecchi e definiti da altre amministrazioni. Di progetti nuovi non se ne vede l’ombra, così come di idee e di prospettive innovative per il prossimo futuro.

All’ombra del Borromeo si continua a vivacchiare, in cerca di nuove alleanze, con la benedizione romana, col solo scopo di portare a casa i numeri in Consiglio.

Domenico Miceli

Capogrupppo MoVimento 5 Stelle al Comune di Rende