Rende, rinviato il Consiglio straordinario. Miceli (M5S): “Manna è l’arroganza al potere”

Marcello Manna
Advertising

Consiglio straordinario, Miceli (M5S): schiaffo di Manna alla democrazia Rinvio che sa di vergognosa censura

Rende (Cs) – Ennesima presa in giro dell’amministrazione Manna che ha rinviato tutti e tre i punti all’Odg del consiglio Comunale convocato su impulso delle minoranze. Una censura a tutti gli effetti messa in atto per bloccare il dibattito in Aula.

Questi sono i metodi non democratici in voga a Rende portati avanti dall’esecutivo di centro destra. Al di là dei punti in discussione, Manna vuole distruggere le regole del funzionamento della pubblica assise, continua a mortificare il ruolo dei consiglieri e tenta in tutti i modi di tappargli la bocca.

Uno schiaffo al dibattito democratico, aggravata da una interpretazione restrittiva del regolamento del Consiglio da parte del presidente Artese.

Quella di Manna è l’arroganza al potere nella sua espressione più becera che passa attraverso la chiusura totale rispetto alle istanze della cittadinanza sia a livello politico che sociale.

Una vergogna che rende questa maggioranza inclassificabile, incapace di tenere banco al dibattito in Aula, come più volte ha dimostrato in questi due anni di mal governo. Come Movimento 5 Stelle continueremo a farci promotori della discussione democratica, del confronto, del dare voce alle necessità della comunità rendese sempre più abbandonata in balia delle onde dell’inadeguatezza e di decisioni poco partecipate.

Domenico Miceli

Gruppo Consiliare

Movimento 5 Stelle Rende