Rende, serve una caserma temporanea per i vigili del fuoco

CASERMA TEMPORANEA DEI VIGILI DEL FUOCO

Tra qualche settimana dovrebbero iniziare i lavori di ristrutturazione della caserma dei Vigili Del Fuoco di Rende, sita in contrada Tocci presso i locali dell’ex mattatoio comunale.

Non vi è dubbio che la ristrutturazione della caserma qualora dovesse effettuarsi in tempi relativamente brevi sarebbe una cosa buona e giusta per la sicurezza del territorio e dei cittadini di Rende oltre che per le aree abitative limitrofe rientranti nella competenza territoriale della caserma. Dispiace dover registrare però che se da un lato Manna ha annunciato i lavori di ristrutturazione con largo anticipo, allo stesso tempo non ci risulta allo stato che lo stesso si sia preoccupato del fatto che il territorio di Rende e non solo per lungo tempo, almeno  un anno, rimarrà  sprovvisto di un importante distaccamento dei VV.F.

Le conseguenze negative dell’assenza temporanea della caserma dei vigili del fuoco sul territorio rendese sono facilmente prevedibili, visto che i tempi operativi di intervento inevitabilmente si allungheranno moltissimo a scapito della sicurezza dei cittadini di tutta l’area territoriale interessata.

Non è trascorso molto tempo da quando quest’estate il nostro territorio è stato interessato da devastanti incendi che hanno purtroppo prodotto molti danni soprattutto al patrimonio arboreo e boschivo, ma che grazie alla celerità di intervento dei VV.F. del distaccamento di Rende non hanno prodotto danni alle persone e alle loro abitazioni.

Riteniamo indispensabile che la città di Rende continui ad ospitare la caserma dei VV.F. anche durante il periodo in cui l’attuale caserma sarà interessata dalla ristrutturazione, pertanto chiediamo a Manna di adoperarsi per cercare una soluzione al problema.

Esistono sul territorio comunale alcuni edifici di proprietà del comune  lasciati all’incuria e all’abbandono che potrebbero essere temporaneamente utilizzati come caserma provvisoria dei VV.F. Pensiamo, per esempio, ai locali della scuola elementare di s. Stefano allo stato inutilizzati ma esistono tante altre soluzioni possibili. Invitiamo pertanto il sindaco Manna, qualora non l’avesse ancora fatto, a prendere contezza del problema e concordare insieme alle autorità dei VV.F. una soluzione tampone che possa garantire al territorio questo indispensabile servizio.

CARLO PETRASSI                                                                                                          (Capogruppo de “La Terza Rende”)                                                                                  MASSIMILIANO DE ROSE                                                                                                (Capogruppo di “Rende Cambia Rende”)