Rinascita per Carolei denuncia: “Parentopoli all’asilo di Vadue”

Advertising

Il Movimento Rinascita per Carolei ha diffuso un volantino assai critico nei confronti dell’amministrazione comunale guidata dal sindaco Franco Greco.

“In soli tre anni – si legge nel volantino – questa amministrazione è riuscita a promettere posti di lavoro inesistenti e a nascondere ai cittadini la possibilità di presentare domande di lavoro (la selezione per l’asilo di Vadue è stata pubblicata due giorni prima della scadenza solo per avvantaggiare qualcuno…). Rumors di paese parlano di assunzioni già stabilite tra i familiari di assessori, sindaco e consiglieri. Tutto questo per un asilo che doveva essere il fiore all’occhiello del nostro Comune e che invece è risultato un vero flop con soli sei bambini iscritti e con una previsione di assunzioni pari a cinque unità (incredibile: 6 bambini e 5 assunti… ecco come si spendono i nostri soldi)”.

“A reintrodurre l’IMU sulla prima casa, a mettere al massimo le aliquote IMU e TASI; applicare le tariffe più alte della Calabria; togliere l’oratorio a tutti i bambini di Carolei e annullare il lavoro di anni per… tentare di trasferirci la casa comunale; a costringere i cittadini alla raccolta differenziata senza ridurre le tariffe della spazzatura”.

“Ma allora – si legge ancora nel volantino – perché i cittadini devono fare la differenziata senza vantaggi? La risposta è semplice; qualcuno vuole continuare a non indire gare di appalto per favorire amici o amici degli amici, tanto pagano i cittadini”.

Rinascita per Carolei si lamenta anche della mancata pulizia del paese, della cronica penuria d’acqua e persino della mancanza di illuminazone.

“Stanno tentando – si legge ancora – di trasformare Vadue in un ghetto con l’edilizia sociale imponendo ai cittadini una decisione non voluta in cambio di vantaggi personali. Voci di paese parlano di uno scambio con appartamenti a Cosenza, per la precisione sopra l’ospedale. A chi? E’ facile intuirlo…”.

“Quanti sanno che, a breve, dovremo pagare oltre un milione di euro alla “Sicilia Verde”, vincitrice del vecchio bando sulla raccolta differenziata?”.

Il volantino conclude così: “Cittadini, ci stanno usando per avere vantaggi personali creando solo paura e divisioni”.