Rosarno, incendiati 9 mezzi per i rifiuti: un messaggio al sindaco?

Foto ANSA

Nove mezzi utilizzati per la raccolta dei rifiuti urbani sono stati incendiati a Rosarno. I mezzi, che erano parcheggiati in un’area di stoccaggio: sono nove mezzi utilizzati per la raccolta dei rifiuti urbani che sono stati incendiati la scorsa notte a Rosarno. I mezzi erano di proprietà della “Camassa Ambiente”, la società pugliese che ha in appalto il servizio di raccolta dei rifiuti anche a San Ferdinando, Cinquefrondi e San Giorgio Morgeto.

Avviate le indagini dei carabinieri che, al momento, riguardo il movente, non escludono alcuna ipotesi. I danni, secondo una prima stima, ammontano a circa 200 mila euro.

Per entrare nell’area in cui erano parcheggiati i mezzi, gli attentatori hanno forzato la serratura della porta d’ingresso. I mezzi sono stati dapprima cosparsi con liquido infiammabile e poi incendiati.

Le indagini mirano in primo luogo ad accertare se obiettivo dell’attentato sia la “Camassa Ambiente” o, indirettamente, il Comune di Rosarno dove, dalle ultime elezioni comunali, si è insediato un nuovo sindaco, Giuseppe Idà, eletto con una lista civica.

ANSA