Rosarno, santini a casa del boss. Il sindaco parla di gesto grave in una città che prova a rialzarsi

Advertising

Gli organi di stampa hanno riportato la notizia riguardante l’affissione di alcune immagini della Madonna della Montagna davanti l’abitazione della madre di alcuni boss della cosca Pesce. Gli inquirenti non escludono possa essere stato il gesto di qualcuno che ieri ha partecipato ai festeggiamenti al santuario di Polsi e che, tramite tale azione, avrebbe voluto poi “omaggiare” la potente famiglia di ndrangheta.

A tale proposito, si registra una dichiarazione del sindaco di Rosarno, Giuseppe Idà. 

“Se questa pista investigativa fosse confermata dalle indagini, saremmo in presenza di un gesto grave e da condannare con fermezza, soprattutto perché verificatosi in una Città che prova, con fatica, a risollevarsi e che ha voglia di voltare definitivamente pagina. Religione e crimine non possono stare insieme. Rimaniamo fiduciosi in attesa di una risposta corale e vigorosa da parte dello Stato, l’Amministrazione comunale farà la sua parte”.