Rossano, cittadini in piazza: sospeso il trasferimento di 200 migranti

Advertising

La notizia dell’arrivo di 200 migranti al Parco dei Principi di Rossano, in località Seggio (popolosa frazione del litorale rossanese), ha innescato la protesta, stamani, dei numerosi abitanti del luogo, ma anche dei turisti 

Sul posto, oltre a tanti cittadini, sono arrivati anche alcuni consiglieri comunali quali: Flavio Stasi, Marinella Grillo, Raffaele Vulcano ed alcuni esponenti del Movimento “Noi con Salvini” con capofila il coordinatore cittadino: Egidio Perri. Il luogo della protesta, inoltre, è presidiato dagli uomini della Polizia di Stato, coordinati dal Vice-Questore aggiunto Raffaele De Marco, per evitare eventuali incidenti.

Gli alloggi presso cui dovrebbero essere stabiliti i migranti sono una cinquantina con 3/4 posti letto ciascuno.

L’arrivo dei migranti a Rossano, secondo alcune indiscrezioni da parte della Prefettura di Cosenza, è stato voluta dai proprietari del villaggio turistico “Parco dei Principi” di Contrada Seggio. I cittadini in presidio hanno lanciato un appello al sindaco di Rossano, Stefano Mascaro, affinché si adoperi, con tutti i mezzi e le azioni necessarie, per evitare la decisione della Prefettura di Cosenza con l’arrivo di oltre 200 migranti.

Il sindaco Mascaro, in queste ore, ha fatto formale richiesta di un incontro urgente al Prefetto di Cosenza, Gianfranco Tomao.

Mascaro, dopo il colloquio telefonico con il Prefetto di Cosenza, ha raggiunto il luogo della protesta per comunicare direttamente ai tanti manifestanti che la decisione inerente all’arrivo dei 200 migranti al Villaggio “Parco dei Principi” è stata, al momento, “congelata” da parte della Prefettura di Cosenza.

Lunedì 5 settembre, intanto, il sindaco Mascaro incontrerà, a Cosenza, il Prefetto Gianfranco Tomao per riuscire a trovare una soluzione in merito alla vicenda che tiene in ansia i numerosi proprietari delle abitazioni del luogo.

Nel frattempo, il sindaco di Rossano ha deciso di sospendere il trasferimento dei migranti.

Fonte: Antonio Le Fosse