Rossano, incarichi a legali esterni. M5S: “Mascaro non faccia l’indiano”

Il sindaco Mascaro
Advertising

I Grillini: il Comune di Rossano fa orecchie da mercante!

“Far finta che il problema non esiste sperando che tutto passi inosservato e pregando che i grillini non se ne accorgano. E nel caso ciò avvenga scaricare le colpe sulla precedente amministrazione. È questo il modus operandi della giunta Mascaro”.

Non si fa attendere la replica degli attivisti pentastellati del Meetup Rossano in Movimento che giudicano le giustificazioni addotte dal Comune nel corso della conferenza stampa di ieri futili e prive di consistenza.

“Che l’Amministrazione Antoniotti abbia mal gestito le casse comunali è cosa nota a tutti e che negli anni addietro si sia ricorso ad incarichi esterni con una regolarità disarmante (per alimentare il clientelismo?) lo è altrettanto.

Ma non è stato di certo Antoniotti a conferire i recenti incarichi agli avvocati Trento e Tagliaferro perché se è pur vero che i precedenti gradi di giudizio sono stati portati avanti da questi due professionisti (la cui preparazione non è assolutamente messa in discussione), è altrettanto vero che gli appelli avrebbero potuto essere tranquillamente affidati ad altri legali reclutati con bando pubblico aperto a chiunque.

E il fatto di non aver voluto discostarsi dalle decisioni della precedente giunta, che a parole però viene criticata, è un chiaro sintomo di incoerenza e incompatibilità coi concetti  espressi in conferenza.

Si volta pagina e si traccia un segno di discontinuità col passato solo con i fatti perché a parole sono bravi tutti. Non si può parlare di trasparenza e poi omettere il nome del professionista a cui l’Ente deve ben 338 mila euro.

Perché non si è voluto fare il nome? Non esiste privacy su queste cose, specie se l’incarico è stato conferito proprio dal Comune in sede di spiegazioni. Il Comune di Rossano allora dia un segno concreto revocando gli incarichi conferiti e promuovendo adesso (e non procrastinando in futuro la sua attuazione) un bando pubblico aperto a tutti i professionisti rossanesi, vessati ed umiliati da questa Amministrazione che invece nei fatti continua a preferire financo avvocati di altre città a quelli locali (vedi delibera di giunta n. 114 e determina dirigenziale n. 1554 del 25 ottobre 2016). O anche per quest’incarico si vuole far credere ai cittadini che sia stato deliberato da Antoniotti?

Il Comune di Rossano agisca subito, agisca adesso e crederemo alle sue parole. Diversamente per noi sarà la solita fuffa data in pasto all’opinione pubblica”.

Meetup Rossano in Movimento – Amici di Beppe Grillo