Rovito Pulita: “Il sindaco D’Alessandro deve rispettare chi dissente”

Advertising

Scriveva Carlo Levi che le parole sono come pietre. Possono far male quando sono utilizzate in modo improprio da un qualsiasi cittadino. Sono intollerabili quando vengono utilizzate in occasioni ufficiali da chi riveste un ruolo istituzionale.

Durante il consiglio comunale del 15 luglio scorso il sindaco di Rovito ha accusato la minoranza rappresentata dal gruppo Rovito Pulita di “sciacallaggio”, aggiungendo più avanti che se avesse dovuto “tutelare” una minoranza lo avrebbe fatto solo per quella più collaborativa di Rovito nel Cuore.

Probabilmente il sindaco D’Alessandro non è abituato ad avere una minoranza che svolge il proprio ruolo con costanza, determinazione, nel rispetto delle norme e nell’esclusivo interesse della cittadinanza. La tutela delle minoranze non è una concessione da parte di un sovrano ma un dovere relativo al rispetto del principio costituzionale del pluralismo.

Il termine “sciacallaggio” indica la “mancanza assoluta di scrupoli nella diffusione di notizie, indiscrezioni e giudizi, volti a screditare o calunniare” (Hoepli), “in politica sfruttamento di informazioni riservate per colpire l’avversario” (Corriere della Sera), “mancanza assoluta di scrupoli nella diffusione di notizie, indiscrezioni e giudizi, volti a screditare o calunniare” (La Repubblica).

Invitiamo il sindaco D’Alessandro a rettificare immediatamente le parole usate in consiglio comunale in quanto non rappresentano nemmeno lontanamente il modo di agire del Progetto Rovito Pulita.

Il Progetto Rovito Pulita è nato per sopperire alla carenza di iniziative da parte dell’Amministrazione precedente.

Come promesso in campagna elettorale lavoriamo utilizzando tutti gli strumenti democratici per mettere in pratica le azioni di controllo, stimolo e proposta che spettano alla minoranza.

E’ quello che abbiamo iniziato a fare dal 6 giugno scorso con la presentazione di diverse interrogazioni consiliari ed è quello che faremo nei prossimi 5 anni.

Il sindaco D’Alessandro se ne faccia una ragione, inizi a rispettare tutte le minoranze per gettare le basi per un cambiamento reale e non demagogico.

Rovito Pulita