San Lucido, viaggio nel Castello del sindaco-reuccio

Advertising

Qualcuno a San Lucido faccia sapere al sindaco-reuccio Roberto Pizzuti che Iacchite’ non ha bisogno di suggeritori.

Quando decide di approfondire tematiche ed imbrogli che si verificano giornalmente in enti ed apparati pubblici va alla fonte ed entra direttamente nel palazzo (nel caso di San Lucido nel Castello, visto che vi risiede un reuccio).

Fategli sapere di stare tranquillo nella sua disperazione e nel suo quotidiano propinare imbrogli vari.

Forse sarebbe il caso che spiegasse ai cittadini quanti soldi ha speso per le manifestazioni estive e quanti ne sono finiti nelle tasche del suo carissimo amico Antonio Scarpelli.

Ci dicono nel Castello che la cosa sia stata denunciata nell’ultimo consiglio comunale dal redivivo ex vicesindaco Leverino Bruno, che ha contestato la scarsezza delle manifestazioni e la povertà di eventi quali il Carnevale estivo e la notte bianca. Se in queste serate, come in tante altre, si sono registrate presenze oceaniche il merito è da dare – per Bruno – ai commercianti e alle attività turistiche, quelle appena nate come visit-San Lucido, via dei Lampadari, festa degli innamorati e Bimbo day.

Tutte manifestazioni ed attività nate da privati senza alcun apporto da parte del Comune. Questo pare abbia rimproverato Bruno al reuccio ed all’assessore di competenza.

Sempre nel Castello sottolineano il silenzio assordante dei tre consiglieri di minoranza, due dei quali addirittura candidati a sindaco e perdenti nell’ultima consultazione del 2013.

Orazio Bruno e Antonio Staffa, entrambi del PD ed entrambi in religioso silenzio su quanto si sta verificando e si è verificato a San Lucido. Due personaggi diversi fra loro ma simili, dicono nel Castello, dove si sussurra che il loro silenzio sua frutto di qualche scheletruccio che tengono chiuso in qualche armadietto.

Questo dicono nel tuo Castello, caro sindaco-reuccio, non c’è bisogno di suggeritori anzi qualcuno sussurra anche di anomalie nella costruzione dell’anfiteatro che tutti a San Lucido disconoscono ma di questo (forse) ne parleremo in seguito.