San Nicola Arcella e le sue dune: è tempo di passare dalle parole ai fatti

Preservare il Sistema Dunale di San Nicola Arcella: è tempo di passare dalle parole ai fatti!

Dopo le chiare e ripetute prese di posizione della Regione Calabria, Dipartimento Ambiente e Territorio, Settore 10 Pianificazione Integrata delle Zone Costiere, Demanio Marittimo, e del  Settore 3, Urbanistica e Vigilanza Edilizia che hanno più volte ricordato con note dirette al Comune di San Nicola Arcella ed alla Provincia di Cosenza che ai sensi dell’art. 11 del QTRP (Quadro Territoriale Regionale del Paesaggio)  “lungo le coste devono essere preservate le caratteristiche sabbiose dei terreni  con la conservazione integrale della fascia predunale e dunale” e che ai sensi dell’art. 9 comma 5 delle norme tecniche del piano di Bacino Stralcio per l’Erosione Costiera “non sono consentite le operazioni che comportino eliminazione o riduzione (come è più volte avvenuto) dei cordoni dunali costieri”, ora anche la Soprintendenza ABAP di Cosenza è intervenuta sull’argomento con una nota del 31 gennaio 2019 indirizzata al sindaco del Comune di San Nicola Arcella e per conoscenza alla Provincia di Cosenza ed alla Sezione Alto Tirreno di Italia Nostra.

La Soprintendenza, dopo aver evidenziato che le aree dunali costiere del Comune di San Nicola Arcella non sono state riportate nella cartografia del piano Comunale Spiaggia del 2014 e la necessità di garantire la salvaguardia integrale della fascia predunale e dunale  così come stabilito dell’art. 11 comma 3 del Tomo IV del QTRP della Regione Calabria, raccomanda all’Amministrazione comunale di voler far rispettare nelle aree già date in concessione ed in quelle che saranno concesse in futuro, il vincolo di salvaguardia delle aree dunali presenti nel territorio comunale come riportate nelle planimetrie allegate all’Ordinanza del Sindaco n. 5/2018.

La Soprintendenza di Cosenza che interviene sotto l’aspetto della tutela paesaggistica del territorio ai sensi del  D.lgs. n. 42/2004 e s.m.i. (Codice dei Beni Culturali)  ha invitato dunque l’amministrazione comunale di San Nicola Arcella “ad aggiornare il piano Comunale Spiaggia approvato nel 2014“ (ma anche quello del 2009)“ per includere nella cartografia le sopracitate aree dunali non presenti nelle tavole approvate, ai fine di garantire il mantenimento e la conservazione della morfologia naturale del litorale marino”, cosa che evidentemente non è avvenuta finora e non può avvenire se sulle dune vengono installate le strutture dei lidi.Alla luce di tute queste chiare, univoche e concordanti prese di posizioni  della Regione Calabria e della Soprintendenza attendiamo di vedere non solo cosa farà in concreto e da subito il comune di San Nicola Arcella per tutelare la aree dunali e per risolvere le altre criticità del PCS, ma soprattutto come si muoverà la Provincia di Cosenza, che, come si ricorderà, inizialmente aveva sospeso il Piano Comunale Spiaggia del comune di San Nicola Arcella con provvedimento del 3 maggio 2017 per poi revocare repentinamente il  provvedimento di sospensione l’08 maggio 2017 in attesa dei risultati delle verifiche che il Comune di San Nicola Arcella avrebbe dovuto effettuare sulle criticità evidenziate da Italia Nostra in tempi ragionevoli per poi decidere sui provvedimenti di competenza ai sensi dell’art. 13 della L.R.

Ora quello che c’era da verificare è stato verificato ma nulla presso la Provincia di Cosenza ancora si muove, mentre dovevano bastare le sole foto che pubblichiamo e che sono in possesso della Provincia di Cosenza a far scaturire i necessari provvedimenti, invece tutto tace, finora.

E’ di tutta evidenza che a distanza ormai di quasi due anni se la situazione resterà immobile ed invariata malgrado le sopramenzionate chiare prese di posizione e non si produrranno a breve fatti nuovi, a questa associazione non resterà altro da fare che rivolgersi, suo malgrado, direttamente all’Autorità Giudiziaria per la tutela di un bene paesaggistico.

Italia Nostra – sezione Alto Tirreno Cosentino