Santelli nello staff del sindaco, Spadafora e Bruno: “Scelta inopportuna”

Advertising

Il nostro appello agli occhiutiani, in qualche modo, è arrivato rispetto al grossolano scivolone dell’inserimento della sorella di Jole Santelli nello staff del sindaco. Non hanno risposto direttamente quei personaggi del “giro” occhiutiano che avevamo citato ieri, ma qualcuno si è comunque inalberato.

I consiglieri di maggioranza Francesco Spadafora e Davide Bruno, componenti entrambi del gruppo consiliare di “Forza Cosenza”, hanno diffuso una nota congiunta per disapprovare la scelta del sindaco. 

«Nel pieno rispetto delle prerogative assegnate dalla legge al sindaco, ci preme far osservare, proprio in quanto componenti a pieno titolo della maggioranza che sostiene Mario Occhiuto, come la recente nomina di Roberta Santelli, sorella dell’attuale vicesindaco Jole Santelli, nello Staff del primo cittadino di Palazzo dei Bruzi, sia inopportuna e del tutto discordante con, ad esempio, una sana politica governativa volta a favorire l’inserimento di tanti giovani nel mondo del lavoro.

Spadafora
Spadafora

Una decisione dalla quale ci disgiungiamo apertamente e non per la comprovata e indubbia esperienza della signora Santelli, quanto piuttosto perché riteniamo vi siano, in seno a tale provvedimento, delle discrepanze che si discostano dalla politica del coinvolgimento e della meritocrazia e si accostano, piuttosto, ad una gestione pressoché familiare della cosa pubblica».

Una scelta quella del sindaco – proseguono i consiglieri Spadafora e Bruno – alquanto inappropriata, considerando che, alle scorse elezioni amministrative, l’attuale primo cittadino ha goduto del sostegno pieno e incondizionato di numerose liste civiche, che vantavano al loro interno altrettante e qualificate professionalità, giovani in particolare, che avrebbero, certamente potuto ricoprire l’incarico amministrativo assegnato oggi alla signora Santelli.

davide bruno manifestoIl nostro appoggio a favore di Occhiuto durante la campagna elettorale è stato forte e scevro da condizionamenti e soprattutto come rappresentati degli elettori, abbiamo tentato di portare avanti quei princìpi volti alla realizzazione di un ideale comune per il bene della nostra città, un ideale che abbia, oggi più di allora, due prerogative essenziali, vale a dire la condivisione delle scelte e la partecipazione attiva alla vita amministrativa.

Ci preme ancora sottolineare – concludono – come le nomine eseguite dal sindaco, al fine di migliorare l’organico del suo staff, siano oltremodo lontane da quel cambiamento politico vagheggiato negli ultimi mesi. Queste le ragioni per cui ci dissociamo apertamente da tale scelta, che diverge – a nostro avviso – con quella buona pratica amministrativa figlia di un buon governo».