Scalea, prima minacciano e poi incendiano mezzo: due arresti

Advertising

I carabinieri di Lagonegro e Scalea, dirette dai capitani Luigi Salvati Tanagro e Pinto Alberto, nel corso di un servizio finalizzato alla prevenzione e repressione di reati contro il patrimonio, hanno arrestato P. M. e V. G., rispettivamente di 70 e 45 anni, entrambi di Nocera Inferiore. I due si sarebbero resi responsabili di tentata estorsione e incendio doloso di un autocarro in danno di un loro concittadino.

Nella tarda serata della giornata di ieri i carabinieri di Scalea, sulle tracce di due soggetti che avrebbero dato alle fiamme un furgone, hanno allertato i militari che hanno rintracciavano e bloccato sulla Fondo Valle del Noce i fuggitivi.

I militari dei nuclei operativi e radiomobile delle compagnie, diretti dal tenenteMarco Di Iesu e dal maresciallo Aversa Leonardo, nel corso delle immediate indagini avrebbero accertato che gli arrestati, per fatti riconducibili all’attività commerciale svolta dalla vittima, avrebbero minacciato il loro conterraneo a versare una somma di denaro. I due non ricevendo quanto richiesto a Santa Maria Del Cedro avrebbero dato alle fiamme l’autocarro Fiat Daily e la merce a bordo procurando un danno di circa 40mila euro.

I due sono stati trattenuti presso le camere di sicurezza, a disposizione del sostituto procuratore della repubblica Francesco Greco che ha coordinato le indagini.