Sospesa l’interdizione anticorruzione a Mario Oliverio

Mario Oliverio
Advertising

Il Tar del Lazio ha sospeso l’interdizione del presidente della Regione Calabria, Mario Oliverio, decisa dall’autorita’ anticorruzione dopo la nomina di Santo Gioffre’ a commissario dell’Asp di Reggio.

Il tribunale amministrativo laziale ha dunque confermato la sospensione del provvedimento disposta il 19 ottobre dal presidente Francesco Corsaro e ha rinviato l’udienza di merito al mese di maggio.

Il Tribunale amministrativo della Capitale era chiamato a pronunciarsi sul ricorso presentato dal presidente Oliverio, assistito dagli avvocati Alfredo Gualtieri e Oreste Morcavallo.

Il 16 ottobre scorso il Tar di Catanzaro, accogliendo le tesi del l’avvocatura dello Stato, aveva sancito che la competenza del giudizio proposto rientra nella competenza funzionale del Tar Lazio. Il provvedimento di inibizione per tre mesi nei confronti di Oliverio era stato disposto dal presidente dell’anticorruzione Raffaele Cantone in relazione alla nomina del commissario dell’Asp di Reggio Calabria, Santo Gioffre’, non consentita, secondo l’autorita’, dal fatto che Gioffre’ si era candidato in precedenza a sindaco di Seminara (Rc), Comune ricadente nel territorio di competenza dell’ente. La nomina era stata decisa dalla Giunta regionale nello scorso mese di marzo.

(AGI)