Terremoto, Protezione Civile: “Chiuderemo la Via Salaria”. Evacuata la Farnesina

Advertising

«Abbiamo un grosso problema sulla Salaria, per il momento non posso dire niente, stiamo valutando», ha detto il dirigente della Protezione civile delle Marche Cesare Spuri. «Stiamo ancora valutando la situazione con l’Anas, ma chiuderemo la Via Salaria all’altezza di Arquata del Tronto», ha aggiunto il dirigente della Protezione civile regionale Cesare Spuri.

Paura a Roma. La scossa è stata avvertita nettamente in tutta la città: presi d’assalto i centralini dell’Ingv (l’Istituto nazionale di Geofisica e Vulcanologia) e dei vigili del fuoco.
Per il momento si tratta solo di persone spaventate, non risulterebbero danni.

La sede del ministero degli Esteri è stata evacuata. Decine di dipendenti si trovano sul piazzale antistante la Farnesina, in attesa che rientri l’allarme.

Lampadari che dondolavano e che hanno continuato per parecchi minuti, finestre che si sono aperte, tavoli e letti che tremavano. La forte scossa è stata avvertita distintamente anche in tutto il litorale romano, da Ostia a Fiumicino sino a Fregene. I lampadari hanno oscillato e ci sono state oscillazioni ai piani alti delle abitazioni.

“Sono in contatto con Protezione Civile Lazio e con sindaci di Amatrice, Accumoli e Rieti. Stiamo facendo tutte le verifiche”, ha scritto su Twitter il presidente del Lazio Nicola Zingaretti.