Tesoro di Alarico, e se gli gridassimo “scemo… scemo”?

Advertising

Fino a  qualche decennio fa se arrivavate in un qualsiasi paesino della Calabria la prima persona che vi accoglieva era lo scemo del paese. Una persona divertente che spesso faceva credere di essere il sindaco, o il vigile, o il carabiniere.

Persone sfortunate provenienti da famiglie di alcolizzati o di sposi fra parenti. Oggi di questa gente non se ne trova più per la strada. Per fortuna. Sono tutti emigrati. Ma non fuori dalla Calabria, sono emigrati nei partiti, nella politica. Questi scemi li trovi fra i funzionari delle amministrazioni, fra i sindaci, fra i segretari di partito.

Sono scemi davvero, ma proprio scemi scemi,  non come quelli di qualche decennio fa. Te ne accorgi, della loro scemitudine, vedendo cosa fanno e propongono. Credono di dire qualcosa di serio, credono di sbalordire la gente, pensano di fare carriera con idee nuove, innovative. E invece sono scemitudini.

Qualche esempio?  Quelli che hanno rilanciato l’idea del ponte sullo stretto, non sono scemi? E quelli che vogliono il canale dei Due mari cosa sono? E il sindaco di Cosenza che cerca il tesoro di Alarico?

india

In 1600 anni dalla morte di Alarico si cerca un tesoro di cui nessuno ha mai parlato, del quale non è stata trovata una sola moneta, o coccio di vaso, o spada, o osso di qualche cavallo. Ma il sindaco di Cosenza, che è anche diventato presidente della Provincia, se vuole cercare qualcosa di simile a un tesoro, perché non scava a Cossa? Perché non scava a Sibari, o a Blanda, o a Tortora, o a  Laos, o a Cirella? Hai voglia di tesori che troverebbe.

E ancora, se vuole investire in scavazioni, perché non cerca i veleni nascosti sottoterra? A Cassano e nella Sibaritide ci sono ancora 350 mila tonnellate di ferriti di zinco provenienti dalla Pertusola di Crotone da trovare, ne hanno trovato solo 35 mila tonnellate! E davanti a Cetraro perché non sonda il mare per trovare la Cunsky affondata dalla ‘ndrangheta? E potrebbe scavare nei terreni della Marlane e Praia a mare, lungo il fiume Noce, a Costapisola, lungo il fiume Oliva ad Amantea. Sai quanti tesori ci sono sotto quelle terre?

Ma, come dicevo prima, nella politica ci sono solo scemi ormai, in cerca di scoop. Lo avevamo capito già nel  ’77, quando lo slogan più gridato contro i politici era: scemo… scemo !!!

Francesco Cirillo