Toninelli a Reggio: “Calabria abbandonata per decenni ma ora la musica è cambiata”

E’ in corso di svolgimento la visita del ministro delle Infrastrutture e Trasporti Danilo Toninelli a Reggio Calabria e sulla jonica in occasione della presentazione delle rinnovate carrozze dei 4 treni Intercity in servizio sulla linea Jonica. Alla stazione centrale di Reggio Calabria il ministro pentastellato ha incontrato per qualche minuto i giornalisti.

“Da tanti anni dico – ha affermato Toninelli – che l’Italia riparte se inizia a ripartire il Sud e in particolare la Calabria. Salgo su questo treno con grande emozione perché sono stato pendolare per tantissimi anni in Lombardia ma con la consapevolezza che grazie a questi nuovi treni, tantissime persone avranno un migliore servizio. Mi rendo conto che la Calabria ha bisogno di tanto altro però voglio dire che finalmente grazie al nuovo governo si sta accendendo una nuova attenzione per la Calabria sia per le infrastrutture ferroviarie sia per i trasporti sia per i porti. Ritengo che la Calabria sia una delle regioni che può avere la maggiore percentuale di crescita ma non faccio nessuna promessa se non quella di tenere alta la tensione e di cercare di essere presente il più possibile. Verrò spesso in Calabria e darò il mio contributo per strade, autostrade, treni, porti ed aeroporti. Per decenni siete stati abbandonati da governi irresponsabili ma ora, con la rivoluzione culturale che abbiamo appena avviato, le cose cambieranno”.

“Sui porti – ha detto ancora Toninelli – ci sono molti dossier aperti, anche quello di Gioia Tauro è stato gestito molto male”. Scendendo nel dettaglio, poi, il ministro ha aggiunto che “faremo un piano nazionale per la portualità e daremo finalmente nuove regole certe anche sulle concessioni. Sono convinto che si apriranno fasi di sviluppo economico importanti soprattutto in un porto tanto importante ma così poco attivo come quello di Gioia Tauro”.