Tutti per la vera scuola dell’inclusione

Advertising

Un interessante seminario dal titolo “VERSO UNA DIDATTICA INCLUSIVA” si è tenuto all’I.I.S. “Valentini – Majorana” di Castrolibero, promosso dall’Istituto Comprensivo “Don Milani – de Matera” di Cosenza, Centro Territoriale per l’Inclusione, diretto dal Dirigente scolastico Immacolata Cairo.

Il convegno si è svolto a conclusione di un corso di formazione realizzato nell’a.s. 2014/2015 e rivolto a 250 docenti appartenenti alle scuole di ogni ordine e grado della provincia di Cosenza, finalizzato all’aumento delle competenze per potenziare i processi di integrazione a favore di alunni con disabilità e bisogni educativi speciali ai sensi del D.M. 762/2014 e autorizzato dall’U.S.R. della Calabria.

Durante il corso, i docenti, hanno avuto la possibilità di frequentare 45 ore di incontri in presenza e di utilizzare per oltre 18 ore la Tuttt Piattaforma Xamp dell’I:C. “ Don Milani –de Matera” per la preparazione di studi di caso e l’elaborazione di materiali.

Al seminario hanno partecipato per i saluti… il dirigente scolastico Maletta Iole, PIETRO TESTA Presidente Regionale UICI e TERESA COLONNA Interprete e docente LIS-ENS.

Gli esperti relatori quali Franco Fusca (Ispettore emerito del Miur), Maurizio Simone (Presidente regionale F.A.N.D. Calabria) e Nunzia Coppedè (Presidente Regionale F.I.S.H. Calabria) hanno sviluppato tematiche inerenti ai cambiamenti avvenuti nel passaggio da un modello educativo improntato sull’integrazione ad un modello improntato sull’inclusione ( Inclusive Education).

La scuola dell’inclusione trova la sua giustificazione teorica nel concetto di “normale specialità” , in particolare nell’intervento della dott.ssa Coppedè, che ha sottolineato come le differenze in una società complessa e variegata come la nostra, vadano considerate come risorse da valorizzare e non come un problema da livellare.

Avere una disabilità, ha aggiunto l’avv. Simone, non significa appartenere ad un genere umano diverso rispetto a chi è “normodotato”, ma essere portatori di alcuni limiti di azione ed interazione, per lo più correlati a condizioni ambientali, i quali, per questa ragione, possono essere modificati in positivo grazie ad opportuni interventi socio- educativi.

Magistralmente, ha puntualizzato l’Ispettore Fusca, che la scuola dell’inclusione deve favorire il raggiungimento di un buon livello di qualità della vita, dal quale anche il livello di disabilità risulta drasticamente ridotto.

Dott.ssa Immacolata Cairo

Dirigente scolastico dell’Istituto Comprensivo “Don Milani – de Matera”

Avv. Michele Arnoni

Presidente del Consiglio dell’Istituto Comprensivo “Don Milani – de Matera”