Under 15, il Cosenza esce a testa alta dalla sfida col Napoli

Foto iamnaples.it
Advertising

L’Under 15 del Cosenza Calcio è uscita a testa alta dal confronto contro il Napoli. 4-2 il risultato finale ma in realtà la partita è stata apertissima fino all’ultimo minuto di recupero.

I lupacchiotti di Angotti hanno sfoderato una prestazione gagliarda: sono passati in vantaggio con Pellegrino, hanno subito un calcio di rigore inesistente, sono andati sotto di due gol ma non hanno rinunciato a lottare. Riaprendo la partita con Tavella e sfiorando un clamoroso pareggio che avrebbe avuto il sapore dell’impresa.

LA CRONACA

Il Cosenza parte benissimo e al 6′ un rimpallo favorisce Sueva, che a porta sguarnita prova la conclusione dalla distanza: il tiro è debole e Massa nei pressi della linea di porta riesce ad allontanare.

Il gol di Pellegrino
Il gol di Pellegrino

Il Napoli stenta ad entrare in partita e al 23′ i rossoblù passano in vantaggio. Punizione dalla destra di Greco, stacca Pellegrino in area di rigore e batte Pone.

La gioia però dura poco. Al 27′ l’arbitro fischia un rigore inesistente al Napoli, viziato tra l’altro da una netta posizione di fuorigioco di Esposito D. Il portiere Gentile  in uscita riesce a toccare il pallone ma non ad allontanarlo definitivamente, Guadagni si avventa sulla ribattuta ma viene a contatto col portierino rossoblù. Sembra una chiara carica al portiere e invece l’arbitro concede il rigore tra le proteste della panchina del Cosenza. Espulso il preparatore atletico La Cava, che si lamentava del fuorigioco netto e poi anche mister Angotti per avere protestato per il rigore viziato da una carica su Gentile.

Labriola realizza il calcio di rigore. Gentile intuisce ma non riesce a deviare la sfera. Il primo tempo si chiude in parità.

Nella ripresa, al 13′ il Napoli passa in vantaggio. Corner di Esposito, Mariani raccoglie palla dal limite dell’area e conclude verso la porta superando imparabilmente Gentile.

Al 17′ mischia in area rossoblù: rimane a terra De Rose, colpito da una gomitata non vista dall’arbitro, palla che sguscia fuori area dove Gallo si avventa calciando in modo poderoso insaccando il gol del 3-1. Anche in questo caso proteste inutili…

under15napcos3

 

Partita chiusa? Neanche per idea. Al 29′ il Cosenza accorcia le distanze e la riapre. Errore di Mariani e Pone, Tavella si inserisce tra di loro, supera il portiere con un pallonetto e lo batte a porta vuota.

L’Under 15 rossoblù si proietta in avanti senza paura e senza niente da perdere. Al primo minuto di recupero, il Cosenza è vicinissimo all’impresa. Tiro dal limite dell’area di Azzinnari e Pone devia in corner con una gran parata.

All’ultimo minuto di recupero Labriola in contropiede segna il gol del definitivo 4-2 ma il Cosenza esce a testa altissima.

IL TABELLINO

NAPOLI-COSENZA 4-2

NAPOLI: Pone; Gaeta, Mariani, Massa, Bianco; Esposito G., Esposito A, Labriola; Lauro, Esposito D., Guadagni. A disposizione: Daniele, Apuzzo, Salimbè, Mazzocchi, Giovagnoli, Lenzi, Corcione, Gallo, Giliberti. All. Panico

COSENZA: Gentile; Bilotta, Monteleone, De Rose, Pellegrino; Pace, Azzinnari, Lanzino, Tavella; Greco, Sueva. A disposizione: Alexandroae, Santoro, Aiello, Iantorno, Lanzo, Aceto, Magnavia, Carriere, Tutino. All. Angotti

MARCATORI: 23′ Pellegrino, 28′ Labriola su rig., 13’s.t. Mariani, 17’s.t. Gallo,29’s.t. Tavella, 39’s.t. Labriola

RISULTATI

Messina-Paganese 1-1;

Catanzaro-Salernitana 1-1;

Citta’ Di Palermo-Catania 1-1;

Crotone-Akragas 2-0;

Matera-Trapani 1-2;

Napoli-Cosenza 4-2

CLASSIFICA

Citta’ Di Palermo 29;

Napoli 27;

Paganese 21;

Trapani 20;

Salernitana 16;

Crotone 15;

Cosenza, Catania 13;

Catanzaro 10;

Matera 7;

Messina, Akragas 6