Unical, corsi di dottorato: tutto previsto, tutto truccato, tutto ok

Advertising

29.30. E’ il voto conseguito dal Consigliere d’Amministrazione, dottor Diego Mazzitelli, raccomandato dal magnifico rettore Gino Crisci e dal famoso prof. Franco Rubino, al concorso (non) pubblico per l’ammissione al XXXIII Ciclo del Corso di Dottorato di Ricerca in Scienze Economiche e Aziendali.

Un concorso chiaramente pilotato, frutto naturale dei voti in CdA in favore della zattera di Crisci e dei progetti di Rubino maglia blu. Dopo una congetturata borsa in Cile “vinta” sempre dallo stesso Mazzitelli, a diversi contratti e favori per parenti ed amici, ora è arrivato nella latrina dell’Unical l’atteso dottorato di ricerca, vinto senza borsa ma presto pagato in quanto una dei vincitori della borsa dovrà rifiutarla in quanto già dipendente. Tutto previsto. Tutto truccato, tutto andato bene.

Ma Rubino, il famoso Rubino, è il professore (che ha silurato il fedelissimo “Francesco Covello”, poiché ormai troppo vecchio), andato sulla stampa nazionale per il “giallo” dell’esame regalato alla figlia di un boss della Provincia di Reggio Calabria. Nel 2012 la DDA di Reggio Calabria aveva messo il naso nelle stanze dell’ateneo di Arcavacata. Era avvenuto casualmente nell’ambito di un’inchiesta condotta dall’allora procuratore aggiunto di Reggio, Nicola Gratteri e dal pm distrettuale Antonio De Bernardo su una cosca di Marina di Gioiosa Ionica.

Durante le indagini preliminari accadde però che gl’investigatori si imbattessero in una strana telefonata in cui si tirava in ballo un apprezzato docente dell’Università della Calabria, Franco Rubino, già preside della facoltà di Economia, ex assessore del Comune di Rende e all’epoca direttore del Dipartimento di Scienza aziendali e giuridiche. Che oggi ritorna a farne una delle sue.

Rubino è anche il personaggio che nel mese di marzo scorso ha rassegnato le dimissioni da senatore accademico, dopo aver sostenuto un giorno il prof. Perrelli, un giorno il Rettore Crisci, a seconda del vento e forse anche perché vorrebbe candidarsi a Rettore nella prossima campagna elettorale, incassando, secondo lui anche i voti della lista UnIdea-Crisci di cui Mazzitelli è il leader accanto ad un altro anonimo senatore in quota studenti Gaetano Coccimiglio, che nella sua attività non ha mai premuto il tasto per fare una proposta.