Unical e Università del Salento: affari (privati) a volontà per gli amici degli amici

Advertising

Cara redazione,

in merito al sospetto flusso di (presunti) “intellettuali” tra l’Università della Calabria e l’Università del Salento, in particolare tra il dipartimento di ingegneria civile (Unical) e il dipartimento di ingegneria dell’innovazione (Università del Salento) vorrei integrare quanto letto finora fornendo in allegato alcuni dei verbali (atti pubblici) delle intelligenze coinvolte nel flusso migratorio.

debartoIl Sole, il regista ed il Fulcro di queste operazioni è il Prof. Tommasicchio dell’Università di Lecce. Gli intellettuali – talenti di casa UNICAL che andranno ad arricchire l’Università del Salento – sono: Daniela Pantusa (ricercatrice), il neo Prof. Associato Samuele De Bartolo e i due fidanzatini e neo-assegnisti di ricerca Nadia Penna e Danilo Algieri Ferraro.

Il talento di scambio per ora è solo il neo dottorando presso l’Università della Calabria un tale Francone Antonio pugliese DOC che si è aggiudicato una borsa di dottorato finanziata dalla Regione Calabria ai danni dei, “certamente non meritevoli”, colleghi calabresi.

ferraro La spiegazione a tutto ciò è presumibilmente da ricercare nei forti legami professionali e di “amicizia” tra il “Sole” di Lecce ed i vari professori Paolo Veltri, Mario Maiolo, Roberto Gaudio.

W il Salento

Lu mare, lu SULE, Lu ientu

Maria Foglietti