Unical, evviva! L’Elmo di Mirocle ha vinto il concorso

Crisci e Saccà
Advertising

L’elmo di Ettore o di Achille… No, l’Elmo di Mirocle!

Le scelte assunzionali del Magnifico Rettore dell’Università della Calabria sprofondano, ancora una volta, non solo nel poema epico ma soprattutto nella illegalità.
Nei primi giorni del mese di novembre dello scorso anno, mentre decine di precari erano in attesa di conoscere le proprie sorti in merito alla tanto promessa “stabilizzazione”, Zeus Mirocle compiva il miracolo di far piovere dal cielo i punti organico necessari per procedere alle assunzioni di personale, inventando nuove possibilità assunzionali dell’Unical.

Il nettare degli Dei riversato pare bagnerà due dipendenti che hanno colto, grazie ai sacrifici immolati all’opulenta divinità, due posti di dirigente scalzando ogni disperata aspettativa anelata, da anni ormai, dai precari dell’Unical.
Il miracolo lascia sconcertati: ma i punti organico sono davvero aumentati? O sono stati distribuiti diversamente tra le varie esigenze dell’Ateneo, vecchie e nuove?
La domanda nasce spontanea in quanto il contingente assunzionale è stato definito dal Ministero nel mese di agosto 2016 e non ci sono state variazioni. Ciò che invece può essere cambiato è il disegno dello Zeus Rettore che, in barba a promesse fatte negli scorsi mesi, ridefinisce l’utilizzo dei punti organico dell’Ateneo a suo spregiudicato uso e consumo.
Viene quindi spontaneo chiedersi quale possa essere stato il motivo che ha determinato il repentino avvio di una procedura di mobilità per un dirigente (propedeutica all’emanazione del relativo bando di concorso) non prevista, improvvisa e non giustificata da un punto di vista amministrativo.

Come mai assegnare ad un’ area già diretta da una unità di personale di categoria EP, che non determina quindi alcuna emergenza gestionale, un nuovo dirigente?
La risposta potrebbe essere: assegnare un dirigente di ruolo a ciascuna area dirigenziale dell’Unical che ne è sprovvista. In questo caso, però, bisognerebbe considerare che altre aree sono sprovviste di un dirigente di ruolo. Una, ad esempio, è retta ad interim dall’attuale Direttore Generale.
Perché allora è scattata l’emergenza per l’Area Risorse Umane? Il bando di mobilità di cui stiamo parlando, delinea un dirigente che quasi quasi pare già di conoscere e le cui funzioni, di fatto, sono eccellentemente svolte dal titolare della posizione di Elevate Professionalità ovverosia dal dott. Roberto Elmo.

Il dubbio permane: perché accantonare (totalmente o in parte) la possibilità di stabilizzare al 100% le decine di precari per assumere un dirigente il cui costo in termini di punto organico è pari a quello di un professore associato?
Se i punti organico utilizzabili restano sempre quelli dello scorso agosto, se l’Unical garantisce altresì la copertura finanziaria (e per fortuna ci sono i Revisori di fresca nomina a controllare tutto ciò) e se la matematica non è un’opinione, qualcuno verrà messo da parte perché i punti organico non possono soddisfare tutti.
Evidentemente Zeus Mirocle, banchettando con gli altri Dei del Consiglio di Amministrazione, ha deciso che l’importante è che i punti organico si trovino per i suoi accoliti. E non solo!
Addirittura durante il banchetto si sono rinvenuti altri Zeus-fondi, visto che si parla anche di un altro imminente concorso di dirigente.
I Revisori, che purtroppo non appartengono all’Olimpo, avranno un bel da fare per verificare la copertura finanziaria di questo posto di dirigente (o addirittura due) perché, al momento dell’avvio di una procedura concorsuale, deve essere garantita al Ministero la programmazione del posto e la relativa copertura finanziaria.

Oggi, 8 novembre 2017, siamo in grado di scrivere con i crismi dell’ufficialità che quello che abbiamo anticipato un anno fa si è puntualmente verificato: quel concorso l’ha vinto effettivamente il dottore Roberto Elmo. Lunedì scorso infatti il direttore generale Mesiano ha firmato il decreto con il quale approva gli atti del concorso pubblico, per esami, per il reclutamento di un dirigente di seconda fascia, con rapporto di lavoro a tempo indeterminato, per le esigenze dell’Area Risorse Umane e questo dirigente altri non è che il dottor Roberto Elmo, che all’Unical ormai tutti chiamano semplicemente L’Elmo di Mirocle…

I suoi punteggi sono stratosferici. Guardiamo le prove scritte, la prima a contenuto pratico e la seconda a contenuto teorico. Nella prima il pupillo del rettore prende addirittura 29/30 e nella seconda 27/30 abbondantemente in vantaggio su tutti i suoi (pochissimi tra l’altro) “avversari”. Il 14 e il 15 settembre scorsi il buon Elmo ha sbancato e sbaragliato la concorrenza (?!?) e aveva già messo i presupposti per confermarsi anche nella prova orale.

In questa prova orale, per non dare nell’occhio, la Commissione ha dato lo stesso punteggio a Elmo e al più ostinato dei suoi “avversari” ma tutti sapevano che, nelle prove scritte, il prescelto aveva fatto il fenomeno e quindi bastava solo una prova orale “normale” per ottenere il risultato e pazienza se quei rompipalle di Iacchite’ avevano già previsto il nome del vincitore. D’altra parte, è già accaduto per altri concorsi e la Finanza a Cosenza – lo sanno tutti – dorme e non interviene mai. Basta guardare quello che è successo al Comune: per dare una misera interdizione dai pubblici uffici a tre delinquenti di dirigenti ci hanno messo due anni, che cosa vuoi che sia un concorso “pilotato!? Acqua fresca… E poi all’Unical lavora sempre la compagna del pm Tridico, la signora Mannavola, e questo sarà meglio di qualsiasi altro “paravento”. E’ fatta!

Certo, si è realizzato un bel vantaggio economico con questo concorso di dirigente vinto proprio dall’attuale responsabile dell’area, il quale, Elmo, salverà eroicamente l’Unical dal problema dei punti organico e della copertura finanziaria: si investe per il posto di dirigente e si libera il budget del posto di EP! E magari ciò potrebbe accadere anche per l’altro posto di dirigente in arrivo.
E come mai il dott. Alfredo Mesiano (attuale Direttore Generale dell’Unical) non merita altresì un posto di dirigente di ruolo e deve accontentarsi di un incarico dirigenziale a termine? Sarà che se lui vincesse un concorso di dirigente non garantirebbe all’Unical lo stesso meccanismo predetto?
Oppure perchè Zeus Mirocle sta realizzando un piano già disegnato in cui il povero dott. Alfredo Mesiano risulta solo un dirigentucolo di transizione destinato a lasciare il posto ad un DIRIGENTE appartenente all’entourage del Magnifico Mirocle?
Oppure sarà che l’Elmo della situazione ha sconfitto ogni avversario ed è divenuto l’eroe che sbaraglia il precariato? Ma chi sarà mai il suo cavallo di Troia? E soprattutto, perché tutta questa fretta?
Sarà che incombe la Riforma Madia che a breve imporrà il concorso nazionale per i dirigenti? E lì forse Mirocle non sarà più Zeus… Ma solo un opulento spregiudicato manovratore con la barba?
A questo punto sono forse attese grandi novità all’Olimpo-Unical?
Nuovi dirigenti che garantiranno lo sviluppo dell’ateneo e del territorio calabrese? Macchè! Sempre la stessa ambrosia servita da Zeus Mirocle…

Non è partito neanche il toto nomi all’Unical. Oramai non si prova neanche più il gusto di scommettere su chi vincerà i concorsi. I meccanismi che si reiterano all’Unical fanno rabbrividire anche Ettore e Achille.
L’epico scenario in questo caso sarà che:
• il bando di mobilità
http://www.unical.it/portale/portalmedia/bandi/2016-11/Avviso%20di%20Mobilità%20prot%2027065_2016.pdf
andrà deserto o comunque nessun eventuale candidato sarà ritenuto idoneo (da Zeus-Mirocle);
• il conseguente bando di concorso per un dirigente all’area Risorse Umane sarà vinto dal dott. Roberto Elmo (lui benedetto da Zeus-Mirocle);
• il posto di dirigente avrà un costo (in termini finanziari e di punti organico) pari alla progressione di carriera che di fatto si riconoscerà ad Elmo (è su questa base che si è provveduto ad avviare la procedura);
• ai precari verrà dato un contentino (i punti organico che residuano);
• verrà avviata una procedura per un ulteriore posto di dirigente che a sentire questa volta la sibilla cumana (meno cieca del povero Omero) vedrà quale vincitore, anche senza Elmo, il buon Avv. Giovanni Macrì, attuale Responsabile dell’Avvocatura di Ateneo (e anch’egli molto caro a Zeus-Mirocle). E noi saremo qui a dirvi quando si materializzerà questa nostra nuova “profezia”.
Tanto è dovuto perché l’epica battaglia di Ettore, Achille, Mirocle, Roberto e Giovanni possa essere goduta appieno da tutti i trepidanti spettatori della epicamente farsesca Università della Calabria. Amen!