Unical, la laurea honoris causa a don Giacomo Panizza

FOTOGRAFIE DI FRANCESCO DONATO
Advertising

L’Universita’ della Calabria ha conferito stamane la laurea magistrale honoris causa in Scienze delle politiche e dei servizi sociali a don Giacomo Panizza, parroco di frontiera e anima della comunita’ Progetto Sud di Lamezia Terme.

“In una terra meravigliosa ma ostile come la Calabria – ha spiegato il prof. Pietro Fantozzi, ordinario di Sociologia all’Unical – e’ difficile costruire e invece ci troviamo di fronte ad una persona che e’ riuscita a realizzare una delle esperienze piu’ importanti che la Calabria ha avuto in questi anni e parlo della Comunita’ Progetto Sud che ha fondato don Giacomo Panizza. Questa e’ una delle motivazioni che ci ha spinto a chiedere al Senato Accademico dell’Ateneo e al Ministero dell’Istruzione, Universita’ e Ricerca, di poter conferire a don Giacomo Panizza la laurea”.

Il Rettore dell’Universita’ della Calabria, Gino Mirocle Crisci, ha evidenziato che “l’Unical ha il difficile compito di fare diventare questa terra normale e lo fa dando esempi di comportamento. Questa iniziativa di oggi ne e’ prova perche’ conferisce la laurea ad honorem a don Giacomo Panizza, un esempio positivo che tutti dovremmo seguire”.

pani

In platea tanti studenti e membri della Comunita’ Progetto Sud di Lamezia, della quale don Giacomo Panizza e’ fondatore e presidente.

“Sono emozionato – ha detto don Giacomo – e ringrazio quanti si sono inventati per me questa cosa meravigliosa. Oggi a questi ragazzi che si laureano dico di non mollare e di rimanere e lottare in questa terra e per questa terra, perche’ insieme possiamo cambiarla. Il bene comune richiede partecipazione e si costruisce in comune. Se riusciamo in questo daremo un futuro nuovo alla Calabria”.

Nella lectio magistralis sul tema “Autori di politiche sociali e di processi di cambiamento in Calabria”, don Giacomo Panizza ha ripercorso gli anni di lavoro e i progetti portati avanti nel corso degli anni, mostrando fotografie e stralci dei suoi scritti.

(ANSA)