Uova contaminate, appello della Coldiretti: attenzione alle etichette

Advertising

Coldiretti: le uova contaminate al FIPRONIL rafforzano la richiesta dell’origine obbligatoria su tutti i prodotti agricoli e il cibo. I dati sulla produzione di uova in Calabria

Molinaro: in Calabria importiamo il 44% delle uova che consumiamo, attenzione alle informazioni sul guscio

Le uova contaminate al FIPRONIL,  un’insetticida che normalmente viene usato contro pulci, acari e zecche negli animali da compagnia e proibito per gli animali da consumo che non dovrebbe mai entrare in contatto con l’essere umano, hanno coinvolto il Regno Unito, Belgio, Olanda, Germania e Francia.  È fondamentale per Coldiretti fare attenzione  nell’acquisto e leggere le indicazioni sul guscio delle uova di gallina.

Il codice riportato (vedi foto) con il primo numero consente di risalire al tipo di allevamento (0 per biologico, 1 all’aperto, 2 a terra, 3 nelle gabbie), la seconda sigla indica il Paese d’origine (es.IT), seguono le indicazioni relative al codice Istat del Comune, alla sigla della Provincia e, infine il codice distintivo dell’allevatore.

Proprio in queste occasioni si comprende di più l’importanza dell’indicazione di ORIGINE che da certezze al cittadino – consumatore e che  – afferma Molinaro presidente di Coldiretti Calabria – dovrebbe essere garantita su tutti i prodotti agricoli ed alimentari: una richiesta che Coldiretti esige  ormai da anni alle Istituzioni Europee.

Invece ci troviamo con un’Europa ancora incomprensibile e titubante che continua a ritenere l’origine obbligatoria su tutto il cibo una distorsione commerciale e non un dovere per assicurare una competizione trasparente basata sulla qualità oltre ad un sacrosanto diritto per i consumatori di poter scegliere liberamente il cibo da comprare in base all’origine del prodotto agricolo utilizzato che è un fattore decisivo che offre sicurezza alimentare.

In Calabria, il consumo medio pro-capite è di 247 uova all’anno con una produzione Regionale di circa 75 milioni di uova in allevamenti specializzati e circa 24 milioni di uova in allevamenti rurali per autoconsumo, quindi importiamo da fuori Regione circa 79 milioni di uova di gallina annui, cioè il 44% di quello che consumiamo.

E’ un comparto che ha performance di crescita soprattutto nelle aree interne.  Scegliere quindi  – prosegue – le uova prodotte in Calabria ed in Italia significa maggiore sicurezza alimentare; gli allevatori calabresi hanno e stanno investendo molto nella qualità  della produzione partendo dal benessere animale fino alla selezione dei cereali utilizzati nell’alimentazione delle galline.  Una ragione in più per rafforzare la sicurezza alimentare e non rinunciare alla difesa del Made in Italy in Europa e nel Mondo con accordi scellerati come il C.E.T.A. che rischia di annullare in modo particolare i primati dell’agricoltura italiana”.

Ufficio Stampa Coldiretti Calabria